Rimetti a noi i nostri debiti di Antonio Morabito - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che Sedotti e bidonati è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 10:35.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

cinerama
8332
servizi
2864
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 18/2018

Rimetti a noi i nostri debiti


Regia di Antonio Morabito

Primo incontro serio tra cinema italiano e Netflix con questo film di Antonio Morabito (Il venditore di medicine) prodotto da Amedeo Pagani (e scritto insieme). Guido (Santamaria) ha perso il lavoro, è pieno di debiti, li esigono a mazzate e lui va dal creditore. Non avendo nulla se non se stesso vende il proprio tempo, proponendosi a sua volta come esattore. Lo istruisce il mastino della ditta Franco (Giallini), che nei ritagli di tempo si confessa in chiesa, e lui diventa bravo. Non è che l’inizio di una storia complessa, che tira in ballo i sensi di colpa, l’indifferenza sociale, il rapporto tra pubblico e privato, intimo ed esteriore, anche in senso, diciamo così, spirituale. Si respira qua e là una certa programmaticità, dato il tema con la maiuscola di partenza (nuove povertà, sistema disumano - va sottolineato che i debitori, alla società di recupero crediti del feroce Peppino Mazzotta, vengono letteralmente venduti da una banca) ma il film gioca a carte scoperte fin dal titolo. Una parabola, quella di Morabito, riuscita per tre motivi. La chimica eccellente tra Santamaria e Giallini, la definizione/evoluzione tutt’altro che scontata dei personaggi, un’idea di messinscena ricercata, accostabile a quella di Paolo Genovese (Perfetti sconosciuti, The Place: a proposito, è il produttore associato) con una concezione plastica, quasi pittorica del primo piano (dura poco ma dice tutto quello su Mazzotta all’inizio; è un bel pezzo di cinema quello ad “allargare” sul volto di Flonja Kodheli durante la confessione di Santamaria al bar). Solo su Netflix quindi, e forse in questo caso ci sta bene un purtroppo.

I 400 colpi

MG
7
Rimetti a noi i nostri debiti (2018)
Titolo originale: -
Regia: Antonio Morabito
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 104'
Cast: Claudio Santamaria, Marco Giallini, Agnieszka Zulewska, Peppino Mazzotta, Flonja Kodheli, Jerzy Stuhr, Leonardo Nigro, Maddalena Crippa, Giorgio Gobbi, Paolo De Vita, Paola Lavini
Sceneggiatura: Antonio Morabito, Amedeo Pagani

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Debiti e violenza - Intervista a...» Interviste (n° 18/2018)

Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy