Mektoub, My Love: Canto Uno di Abdellatif Kechiche - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Ilaria Feole dice che L'uomo in più è il film da salvare oggi in TV.
Su Italia1 alle ore 02:50.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8332
servizi
2865
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 21/2018

Mektoub, My Love: Canto Uno


Regia di Abdellatif Kechiche

Mektoub, in lingua araba, sta per “destino”. Dunque come si legge, a partire dal titolo, l’ultimo film di Kechiche? Destino, amore mio? E perché una cosa compiuta, già scritta, già data, come il destino dovrebbe necessitare di un canto uno, essere costruita da parti come i capitoli in farsi (I e II e poi?) di La vita di Adele, e presentarsi come titolo di un progetto non concluso, in attesa, che rimanda a un canto due e un canto tre? Non è un paradosso? Quel mektoub, probabilmente, è come la Hiroshima di Hiroshima, mon amour di Resnais. Un problema. Una crisi. Un luogo inevitabilmente pieno di domande. Una questione sentimentale. Un dissidio. Mentre la macchina da presa inquadra l’alter ego del regista, il giovane Amin, in controluce, compaiono due frasi: «Dio è la luce del mondo» (Giovanni 9,5). «Luce su luce, Dio guida verso la luce chi vuole Lui» (Corano 24-35). Amin è nella luce. Ma dove sta andando? Da Parigi è di ritorno a Sète, Francia del sud, nel 1994. Autobiografia in corso, per interposto romanzo di François Bégaudeau (sì, quello di La classe). Lasciata medicina, Amin studia per fare lo sceneggiatore, si dedica alla fotografia. La madre si lamenta del suo stare di continuo nel buio della camera da letto, a guardare film. Esci alla luce, Amin. Ma Amin guarda, in primis: guarda, nella prima scena, Ophélie e il cugino Toni fare sesso, consumare un adulterio, tradire un amico in guerra. Il film, in questo senso, è già scritto. Scritto nello sguardo di Amin, uno sguardo eterosessuale e morale, che coincide con lo sguardo criticato del Kechiche di Venere nera e La vita di Adele. Uno sguardo in cui lottano il desiderio e la colpa. Così questo film, 3 ore (ridotte a 2 e 55’ in questo secondo montaggio dopo la presentazione a Venezia 2017), è insieme l’opera maggiormente radicale del regista e quella in cui le tensioni che muovono il suo sguardo sono maggiormente in conflitto. Tre ore di lunghissime scene, di quel realismo antipsicologico in cui Kechiche non trova eguali, tre ore di corpi che si seducono in spiaggia o in discoteca, conte d’été e sapore di mare, tre ore di bocche, sorrisi, parole e chiacchiericcio, tre ore di sguardi da capire e grandi culi da ammirare. La trama è esilissima, fatta solo dei sentimenti (prima che degli eventi) che costruiscono le singole scene. Il film è il canto sublime e la messa in scena di una fantasia radicalmente eterosessuale, ma in cerca di grazia. Lo sguardo macho dell’autore (quello che è già scritto, il suo mektoub) sa perfettamente di essere un problema morale. E non è mai stato così vicino al lontanissimo cinema dell’ultimo Malick: s’abbandona alla sensualità, alla meraviglia dei sederi che “twerkano”, alla luce affascinante di quella fisicissima libertà, ma come il protagonista fotografo e sceneggiatore (che era medico, ricordiamolo: il conflitto è tutto qui, tra un distacco che cerca catarsi nelle forme dell’erotismo e uno sguardo ginecologico), prova a scegliere una strada in contrasto, cerca una ricontestualizzazione sacrale del sesso (la nascita degli agnelli), un’educazione (il finale con l’esclusa dal gruppo, la fanciulla cortese), e una luce che sia finalmente da raggiungere, da meritare, un differente destino.

I 400 colpi

PA
9
PMB
4
MC
3
FDM
8
SE
5
IF
5
RM
8
MM
7
EM
8
FM
6
RMO
8
EMO
7
GAN
7
LP
8
ES
7
GS
8
RS
4
media
6.6
Mektoub, My Love: Canto Uno (2017)
Titolo originale: Mektoub, My Love: Canto Uno
Regia: Abdellatif Kechiche
Genere: Erotico - Produzione: Francia - Durata: 175'
Cast: Shaïn Boumedine, Ophélie Bau, Salim Kechiouche, Lou Luttiau, Alexia Chardard, Hafsia Herzi, Delinda Kechiche, Kamel Saadi, Hatika Karaoui
Sceneggiatura: Abdellatif Kechiche, Ghalia Lacroix

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Mektoub, My Love: Canto uno» Cinerama (n° V0/2017)

Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.


Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy