A Star Wars Story: Solo di Ron Howard - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Mio Dio, come sono caduta in basso! è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 00:20.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

Un saluto a Ermanno Olmi con le parole di Gianni Amelio.

La citazione

«Certainly it constitutes bad news when the people who agree with you are buggier than batshit.»

scelta da
Lorenza Negri

cinerama
7947
servizi
2579
cineteca
2543
opinionisti
1650
locandine
980
serialminds
707
scanners
466
Recensione pubblicata su FilmTv 21/2018

A Star Wars Story: Solo


Regia di Ron Howard

«Bisogna puntare non a vincere, ma a restare in gioco il più possibile» dice l’ambigua Qi’ra al giovane Han Solo. Chiaro, no? Oggi, nei franchise alla Star Wars, l’importante è continuare a oltranza, tayloristi fino all’estenuazione. Quantità, insomma. Non varietà, però. E, infatti, il film sul passato di Solo arriva insapore e incolore, dopo essere stato scippato in corsa alla coppia meta-comica Lord & Miller (quelli dei Lego Movie), accusati dall’Impero Disney di non prenderlo sul serio. Al posto loro, il più ortodosso Ron Howard, garante di quel velo di polvere vintage ritenuta più necessaria dell’ironia. Oltre la saga principale in progressione cronologica, gli spinoff nel passato di singoli personaggi dovrebbero garantire il piacere della variazione, magari della trasgressione (lieve). Se il precedente Rogue One, con la sua sporca dozzina ribelle, ci provava, e, in parte, ci riusciva, Solo cala la carta dell’origin story più prevedibile, tra noir, western e film di rapina, inanellando una serie di prime volte (Chewbacca, Millennium Falcon, etc.) a uso e consumo dei fan duri e puri. Dopo un inizio curioso alla Dickens, però, ecco le solite palette ambientali (neve/ghiaccio vs sabbia/deserto), il minimo garantito di spettacolarità, gli incroci inevitabili con altri immaginari, almeno un cameo eccellente per far parlare dopo che si accendono le luci in sala. Certo, ci sono il Lando Calrissian vanesio di Donald Glover e il suo secondo L3-37, droide politicizzata e femmina. Ma quasi non ce ne accorgiamo. Probabilmente c’erano davvero nel Solo di Lord & Miller. Il film bello che non ci hanno fatto vedere.

I 400 colpi

PA
8
MC
10
AC
6
FDM
6
SE
9
IF
6
AF
5
MG
6
FM
6
RMO
5
GAN
8
RS
10
FT
6
media
7.0
A Star Wars Story: Solo (2018)
Titolo originale: Solo: A Star Wars Story
Regia: Ron Howard
Genere: Fantascienza - Produzione: Usa - Durata: 135'
Cast: Alden Ehrenreich, Emilia Clarke, Paul Bettany, Donald Glover, Woody Harrelson
Sceneggiatura: Jonathan Kasdan, Lawrence Kasdan

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Cannes 2018: fuori concorso - Don...» Lost Highway (n° 19/2018)
Un uomo Solo nella galassia» Servizi (n° 21/2018)

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy