Hotel Gagarin di Simone Spada - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che L'attentato è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 12:55.

La mia vita con John F. Donovan è l'ultimo film di Xavier Dolan, in arrivo (speriamo) a breve nelle nostre sale per Lucky Red. A lungo i film di Dolan sono stati invisibili in Italia, ma poi hanno cominciato ad avere una distribuzione in sala, homevideo e streaming. Oggi vi consigliamo di recuperare Laurence Anyways .

Una delle rubriche che fanno parte della storia di FilmTv è Regioni e sentimenti - I luoghi del cinema a cura di Steve Della Casa. Vi proponiamo un viaggio nel cinema a bordo dei treni, raccontato da Matteo Pollone.

Siamo serie, ma a volte anche film. Il ritorno di I cancelli del cielo di Mauro Gervasini sulla rivista.

Il governo iraniano non prese bene la partecipazione di questo film al festival di Cannes. La locandina di Andrea Fornasiero racconta la genesi del progetto e l'importanza dell'opera di Marjane Satrapi. Buona lettura.

Forse con tutta l'offerta in streaming che c'è non siete mai incappati in una webserie. Ve ne suggeriamo allora una particolarmente originale e divertente, su YouTube. Vedere per credere.

La citazione

«What happened to Gary Cooper? The strong, silent type. That was an American. He wasn’t in touch with his feelings. He just did what he had to do. (David Chase - The Sopranos)»

cinerama
8520
servizi
3012
cineteca
2761
opinionisti
1865
locandine
1019
serialminds
797
scanners
484
Recensione pubblicata su FilmTv 21/2018

Hotel Gagarin


Regia di Simone Spada

Un fotografo appassionato fumatore di marijuana, un elettricista romano e romanesco, una prostituta ovviamente naïf, una truffatrice cinica e disillusa, una giovane punk incinta e un professore di storia che s’intestardisce a spiegare la Russia via Sokurov e a ricevere dai suoi studenti un prevedibile «a’ professo’, ma ‘sto film è ‘na palla!». Sono la scalcagnata e improvvisata troupe che dovrebbe girare in Armenia «un intenso film sulla ricerca di sé» per cui l’Unione europea ha erogato ingenti finanziamenti; in realtà è tutto un imbroglio, il (finto) produttore sparisce coi soldi, scoppia una guerra lontana e misteriosa e il gruppetto di (in tutti i sensi) scappati di casa si ritrova spiaggiato in un albergo deserto in mezzo a praterie innevate, dal suggestivo nome di Hotel Gagarin. Simone Spada vanta collaborazioni importanti come aiuto regista (di Claudio Caligari in Non essere cattivo, di Gabriele Mainetti in Lo chiamavano Jeeg Robot, di Edoardo Leo in Noi e la Giulia) e assembla un cast la cui competenza è pressoché scontata (Battiston in particolare dà l’impressione di saper risultare credibile in qualsiasi contesto). Sono evidenti anche i riferimenti cui Spada, con un buon occhio per il fascino straniante di luoghi lunari e sospesi, guarda in quest’opera seconda: soprattutto il primo Salvatores, obbligatorie partite di calcetto incluse. È la sceneggiatura il vero punto dolente, piena di facilonerie e di dialoghi artificiosi, costantemente in cerca di una magia poetica che non si accende mai davvero: un po’ come i protagonisti, si affida totalmente e ciecamente al superpotere cinematografico di fabbricare sogni, e fa male.

I 400 colpi

AC
5
Hotel Gagarin (2018)
Titolo originale: -
Regia: Simone Spada
Genere: Commedia - Produzione: Italia - Durata: 93'
Cast: Claudio Amendola, Luca Argentero, Giuseppe Battiston, Barbora Bobulova, Silvia D'Amico, Caterina Shulha, Philippe Leroy
Sceneggiatura: Simone Spada, Lorenzo Rossi Espagnet

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.


Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy