Montparnasse femminile singolare di Léonor Serraille - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Mission: Impossible 2 è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 18:25.

La ricerca di riscatto di un mite toelettatore di cani, la discesa agli inferi di un ex pugile manesco. Il nuovo film del regista di Gomorra torna nella terra di nessuno delle fiabe dark. Premiato come migliore attore al Festival di Cannes il protagonista Marcello Fonte.

Il 18 maggio arriva su Netflix la seconda attesissima stagione di Tredici . Dove eravamo rimasti?

Esiste davvero gente che non ama la musica?

Christophe Honoré quest'anno è al Festival di Cannes con Plaire, aimer et courir vite , in gara anche per la Queer Palm. Vi riproponiamo uno degli Scanners a lui dedicati.

Un saluto a Ermanno Olmi con le parole di Gianni Amelio.

La citazione

«Un ingenuo e stupido film americano può insegnarci qualcosa “per mezzo” della sua scempiaggine. Ma non ho imparato mai niente da uno scaltrito film inglese. (Ludwig Wittgenstein)»

cinerama
7947
servizi
2579
cineteca
2546
opinionisti
1650
locandine
980
serialminds
707
scanners
466
Recensione pubblicata su FilmTv 21/2018

Montparnasse femminile singolare


Regia di Léonor Serraille

Femminile e singolare Paula lo è di certo, con quella cascata di capelli fulvi che sembrano la coda di un animale pronto a divorare i suoi interlocutori: scaricata dal suo amante, rimbalza per Parigi come una pallina impazzita, senza un soldo, senza un progetto, con un micio rapito al suo ex e un carattere infiammabile che la caccia in ogni genere di guaio. Ma singolare è anche il contrario di plurale, e Paula è una donna sola: nel mezzo di una festa, nella metropolitana affollata (la Montparnasse del titolo è una fermata parigina), davanti a ogni amico, amica e parente che sembra non poter fare a meno di ferire e di allontanare. Léonor Serraille, esordiente nel lungometraggio e vincitrice con questo film della Caméra d’or a Cannes 2017, sa tenere la giusta distanza dal suo personaggio, segue Paula senza costringere lo spettatore ad amare una donna spesso repellente nella sua umorale eccentricità, ma nemmeno ci incita a respingere la protagonista, le sue ragioni, la nonchalance con cui esibisce il suo corpo e le sue contraddizioni. Un ritratto femminile (dietro e davanti alla macchina da presa: il film è scritto diretto musicato montato fotografato e scenografato da donne) furente e sfacciato, debitore dell’energia stordente di Lætitia Dosch, che a Paula presta la sua eterocromia oculare (un’iride blue e una nocciola: nemmeno gli occhi di Paula sanno decidersi) e la sua sensualità grezza. Una commedia agra sul precariato emotivo, lavorativo, esistenziale di una giovane donna (recita il titolo originale) che, saltando di mestiere in mestiere, di bugia in bugia, non ha alcuna mappa della metropolitana per il proprio futuro.

I 400 colpi

IF
7
Montparnasse femminile singolare (2017)
Titolo originale: Jeune femme
Regia: Léonor Serraille
Genere: Commedia - Produzione: Belgio/Francia - Durata: 97'
Cast: Laetitia Dosch, Souleymane Seye Ndiaye, Grégoire Monsaingeon, Jean-Christophe Folly, Nathalie Richard, Arnaud de Cazes, Zirek, Philippe Lasry, Marie Rémond, Jean-René Lemoine
Sceneggiatura: Léonor Serraille

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy