Montparnasse - femminile singolare di Léonor Serraille - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che La capra Penelope è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 20:20.

Tra i film che abbiamo già visto dell'edizione 2019 del Festival di Cannes c'è La Gomera di Corneliu Porumboiu, che non ci ha convinto. Vi invitiamo a confrontare le parole di Roberto Manassero con quelle di Sangiorgio, che con questa recensione, qualche anno fa, nella rubrica Scanners, presentava quest'autore della Nuova onda rumena.

Il cast dei sequel di Avatar cresce (ve ne parliamo nella prossima newsletter, nella vostra casella di posta sabato 18 maggio). Per l'occasione vi riproponiamo un confronto critico pubblicato all'epoca dell'uscita del primo film.

Il calciomercato delle piattaforme streaming e dei canali a pagamento, dai destini sempre più intrecciati. Un'analisi di Andrea Bellavita.

Lo scorso 9 maggio è morto a Seattle lo sceneggiatore Alvin Sargent, fra gli sceneggiatori più eclettici e di maggior successo nelle ultime cinque decadi di Hollywood. Suo è Paper Moon , che gli valse la prima nomination agli Oscar. Vi riproponiamo la locandina di Gianni Amelio.

Il 24 maggio arriva su Netflix una nuova serie spagnola che si chiama Alto mare (ve la segnaliamo brevemente nel numero di questa settimana). Avrà il successo di La casa di carta ?

La citazione

«You Cannot Be Serious! (John McEnroe)»

scelta da
Rinaldo Censi

cinerama
8649
servizi
3090
cineteca
2812
opinionisti
1906
locandine
1028
serialminds
820
scanners
488
Recensione pubblicata su FilmTv 21/2018

Montparnasse femminile singolare


Regia di Léonor Serraille

Femminile e singolare Paula lo è di certo, con quella cascata di capelli fulvi che sembrano la coda di un animale pronto a divorare i suoi interlocutori: scaricata dal suo amante, rimbalza per Parigi come una pallina impazzita, senza un soldo, senza un progetto, con un micio rapito al suo ex e un carattere infiammabile che la caccia in ogni genere di guaio. Ma singolare è anche il contrario di plurale, e Paula è una donna sola: nel mezzo di una festa, nella metropolitana affollata (la Montparnasse del titolo è una fermata parigina), davanti a ogni amico, amica e parente che sembra non poter fare a meno di ferire e di allontanare. Léonor Serraille, esordiente nel lungometraggio e vincitrice con questo film della Caméra d’or a Cannes 2017, sa tenere la giusta distanza dal suo personaggio, segue Paula senza costringere lo spettatore ad amare una donna spesso repellente nella sua umorale eccentricità, ma nemmeno ci incita a respingere la protagonista, le sue ragioni, la nonchalance con cui esibisce il suo corpo e le sue contraddizioni. Un ritratto femminile (dietro e davanti alla macchina da presa: il film è scritto diretto musicato montato fotografato e scenografato da donne) furente e sfacciato, debitore dell’energia stordente di Lætitia Dosch, che a Paula presta la sua eterocromia oculare (un’iride blue e una nocciola: nemmeno gli occhi di Paula sanno decidersi) e la sua sensualità grezza. Una commedia agra sul precariato emotivo, lavorativo, esistenziale di una giovane donna (recita il titolo originale) che, saltando di mestiere in mestiere, di bugia in bugia, non ha alcuna mappa della metropolitana per il proprio futuro.

I 400 colpi

IF
7
Montparnasse femminile singolare (2017)
Titolo originale: Jeune femme
Regia: Léonor Serraille
Genere: Commedia - Produzione: Belgio/Francia - Durata: 97'
Cast: Laetitia Dosch, Souleymane Seye Ndiaye, Nathalie Richard, Léonie Simaga, Erika Sainte, Audrey Bonnet, Grégoire Monsaingeon, Jean-Christophe Folly
Sceneggiatura: Léonor Serraille

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Ilaria Feole

Ilaria Feole è nata nell’anno di Il grande freddo, Il ritorno dello Jedi e Monty Python – Il senso della vita e tutto quello che sa l’ha imparato da questi tre film. Scrive di cinema e televisione per Film Tv e  Spietati.it. È autrice della monografia Wes Anderson - Genitori, figli e altri animali edita da Bietti Heterotopia.


Ilaria Feole

Ilaria Feole è nata nell’anno di Il grande freddo, Il ritorno dello Jedi e Monty Python – Il senso della vita e tutto quello che sa l’ha imparato da questi tre film. Scrive di cinema e televisione per Film Tv e  Spietati.it. È autrice della monografia Wes Anderson - Genitori, figli e altri animali edita da Bietti Heterotopia.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy