Prigioniero della mia libertà di Rosario Errico - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che L'attentato è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 12:55.

La mia vita con John F. Donovan è l'ultimo film di Xavier Dolan, in arrivo (speriamo) a breve nelle nostre sale per Lucky Red. A lungo i film di Dolan sono stati invisibili in Italia, ma poi hanno cominciato ad avere una distribuzione in sala, homevideo e streaming. Oggi vi consigliamo di recuperare Laurence Anyways .

Una delle rubriche che fanno parte della storia di FilmTv è Regioni e sentimenti - I luoghi del cinema a cura di Steve Della Casa. Vi proponiamo un viaggio nel cinema a bordo dei treni, raccontato da Matteo Pollone.

Siamo serie, ma a volte anche film. Il ritorno di I cancelli del cielo di Mauro Gervasini sulla rivista.

Il governo iraniano non prese bene la partecipazione di questo film al festival di Cannes. La locandina di Andrea Fornasiero racconta la genesi del progetto e l'importanza dell'opera di Marjane Satrapi. Buona lettura.

Forse con tutta l'offerta in streaming che c'è non siete mai incappati in una webserie. Ve ne suggeriamo allora una particolarmente originale e divertente, su YouTube. Vedere per credere.

La citazione

«E questo è quanto (Casinò - Martin Scorsese)»

cinerama
8520
servizi
3012
cineteca
2761
opinionisti
1865
locandine
1019
serialminds
797
scanners
484
Recensione pubblicata su FilmTv 23/2018

Prigioniero della mia liberta


Regia di Rosario Errico

Un mite e onesto architetto di origine spagnola (Mollà), truffato da un ex amico pappa e ciccia con i poteri forti e la buona società, finisce nelle spire della malagiustizia, tra indagini frettolose, sospetti infamanti e pregiudizi. Riconosciuto tardivamente innocente, vorrà vendicarsi. Materia da Dürrenmatt (simbolismi compresi), trattata come in una fiction Ares (ma senza il gusto sopra le righe di Tarallo & Losito), con un cast che sembra guardare esplicitamente a quel modello tv (Giannini, Sastri, Ponziani). Forse questa vicenda (inquietante nella sua ordinarietà quasi banale) avrebbe meritato di essere meno teorema squadrato e più studio psicologico sottile, soprattutto quando sfocia nel revenge movie con sorpres(in)a finale. Più che i pensieri dei personaggi, si sentono i passi degli attori in scena.

I 400 colpi

RMO
4
Prigioniero della mia liberta (2016)
Titolo originale: -
Regia: Rosario Errico
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 83'
Cast: Martina Stella, Rosario Errico, Jordi Mollà, Antonella Ponziani, Lina Sastri, Giancarlo Giannini, Marco Leonardi
Sceneggiatura: Rosario Errico, Stefano Pomilia

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Rocco Moccagatta

Studiava giurisprudenza, ma andava più spesso al cinema di quanto avrebbe dovuto. D'altronde il padre l'ha portato per anni al cinema ogni sabato. Di cosa potrebbe dunque lamentarsi? Dopo l'università, fa la cosa giusta e comincia a occuparsi davvero di film, persino professionalmente. Oggi lo insegna pure, il cinema, in IULM e in altre università del regno, soprattutto il cinema classico e il cinema dei generi popolari, la sua passione da sempre. Per campare guarda anche molta televisione, visto che lavora come scenarista e analista dei media presso la factory di media research Neopsis (non si pronuncia Neopsais, eh...). Ha scritto e scrive da tante parti, da Duel/Duellanti a Marla, da Ottoemezzo a L'officiel Homme. Nel tempo, ha scoperto che gli piace molto il cinema italiano di ieri e di oggi e che si può non vergognarsene. Il riconoscimento più prezioso è stato essere ribattezzato "Giancarlo Cianfrusaglie" da Maccio Capatonda.


Rocco Moccagatta

Studiava giurisprudenza, ma andava più spesso al cinema di quanto avrebbe dovuto. D'altronde il padre l'ha portato per anni al cinema ogni sabato. Di cosa potrebbe dunque lamentarsi? Dopo l'università, fa la cosa giusta e comincia a occuparsi davvero di film, persino professionalmente. Oggi lo insegna pure, il cinema, in IULM e in altre università del regno, soprattutto il cinema classico e il cinema dei generi popolari, la sua passione da sempre. Per campare guarda anche molta televisione, visto che lavora come scenarista e analista dei media presso la factory di media research Neopsis (non si pronuncia Neopsais, eh...). Ha scritto e scrive da tante parti, da Duel/Duellanti a Marla, da Ottoemezzo a L'officiel Homme. Nel tempo, ha scoperto che gli piace molto il cinema italiano di ieri e di oggi e che si può non vergognarsene. Il riconoscimento più prezioso è stato essere ribattezzato "Giancarlo Cianfrusaglie" da Maccio Capatonda.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy