L'affido - Una storia di violenza di Xavier Legrand - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Caterina Bogno dice che E morì con un felafel in mano è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 03:05.

Una serie tv da cominciare? Attenzione, perché secondo Alice Cucchetti è magnetica e non potrete fare a meno di finirla.

La figura del Papa è stato oggetto di recente di una delle nostre liste. Ma se il Papa, più che una presenza, fosse una specie di fantasma irraggiungibile? Ovviamente, secondo Marco Ferreri.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Il blu è un colore caldo, soprattutto se si tratta di un giallo di Simenon raccontato da Amalric.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Se una rana avesse le ali non sbatterebbe tante volte il culo per terra (John McCabe)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8205
cineteca
2981
servizi
2792
opinionisti
1750
locandine
996
serialminds
745
scanners
473
Recensione pubblicata su FilmTv 25/2018

L'affido - Una storia di violenza


Regia di Xavier Legrand

Che brutta bestia la violenza al cinema. Non per forza la sua esposizione o la sua oscenità, ma anche solo, come nel caso di L’affido, la sua eco sulla storia e sui personaggi. Lasciata fuori campo, evocata, elusa, la violenza, in un film su una famiglia divisa fra una madre protettiva, un padre cacciato e umiliato, una figlia maggiorenne padrona del proprio destino e un figlio dodicenne costretto invece ad accettare decisioni di altri (di un giudice, del padre che non vorrebbe frequentare, della madre che pur preoccupata accetta di affidarlo ogni weekend all’ex marito), riemerge senza controllo al di là delle intenzioni del regista, che qui riprende e amplia un corto del 2013, Avant que de tout perdre. La realtà è torva, complessa, ambigua - e così vorrebbe essere il film di Legrand, che racconta il rifiuto di un affido congiunto provando a evidenziare le opposte volontà delle parti coinvolte, mostrando la debolezza del padre, la chiusura della madre, l’ingratitudine dei figli. In realtà, oltre la rappresentazione aperta e ambigua del dramma familiare, si percepisce la distinzione fra bene e male, si scorge la bestia dietro la maschera ferita del padre, si attende l’esplosione della sua furia come un passaggio obbligato. Il cinema non osserva, ma inevitabilmente giudica. Peggio ancora, come svela il primo piano del gendarme che guida i soccorsi nel finale, il cinema salva, mettendosi dalla parte della Legge. Il che non è certo un male, moralmente. Ma stilisticamente sì, perché rende palese un’impostazione manichea in apparenza evitata. Abile depistaggio, dunque, o semplice ingenuità di scrittura e messa in scena?

I 400 colpi

PA
7
PMB
5
MC
4
SE
8
IF
6
RM
5
FM
5
EMO
5
GAN
2
LP
5
GS
5
RS
5
FT
5
media
5.2
L'affido - Una storia di violenza (2017)
Titolo originale: Jusqu'à la garde
Regia: Xavier Legrand
Genere: Drammatico/Thriller - Produzione: Francia - Durata: 93'
Cast: Denis Ménochet, Léa Drucker, Mathilde Auneveux, Florence Janas, Thomas Gioria, Mathieu Saïkaly
Sceneggiatura: Xavier Legrand

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Jusqu'à la garde» Cinerama (n° V0/2017)
Intervista a Xavier Legrand» Interviste (n° 25/2018)

Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy