Dei di Cosimo Terlizzi - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Ilaria Feole dice che In Bruges - La coscienza dell'assassino è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 03:10.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Life... don't talk to me about life...»

scelta da
Alice Cucchetti

cinerama
8332
servizi
2864
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 25/2018

Déi


Regia di Cosimo Terlizzi

«Martino? Non hai una faccia da Martino». Piace a Laura, universitaria della Bari bene, quel diciassettenne bello, spaesato e introverso che frequenta, con l’amica Valentina, Storia dell’arte senza essere iscritto. È bello come un Apollo, altro che Marte. E così se lo trascina con l’amica nella sua casa “dionisiaca”, all’ultimo piano di un condominio sul mare, che divide con tre musicisti radicali, tra canne, scherzi, freccette, eros, notti brave, sesso vario in terrazza e neon art alla Jenny Holzer. Come The Dreamers: l’avventura della comune, l’uscita dal set mentale, l’immersione metropolitana e il pericolo inebriante del contatto con la classe “aliena”. Già. Martino viene dalla campagna bigotta che esorcizza servitù ataviche coi santini di Padre Pio, ha con maiali e agnelli domestica sintonia, vede perfino le lucciole e si allontana (come la Luna dalla Terra, 4 cm all’anno) dal rude padre-padrone che vende (ruba?) ferro e vecchi elettrodomestici, e si sbarazzerà per soldi di un ulivo secolare prima che la xylella lo divori. I giovani sono dèi, basta metterli in sovrimpressione con le antiche statue dalle proporzioni divine. Guadagnino, certo, ma soprattutto Tonino De Bernardi, che girò Dèi nel 1968. Buena Onda di Golino & Scamarcio produce il primo lungo di finzione di Cosimo Terlizzi, videoartista che scolpisce le immagini e documentarista che trasfigura il reale (la panoramica sugli orrori urbanistici è di acido sarcasmo) e del Sessantotto sente l’eco: Easy Rider? L’elogio mai populista della madre terra: Calvino? Il vagare on the road: Bellocchio? I pugni in tasca. Rock’n’Roll High School? Il gusto collettivo della ribellione.

I 400 colpi

RM
5
MM
6
GAN
1
LP
6
RS
7
FT
8
media
5.5
Déi (2018)
Titolo originale: -
Regia: Cosimo Terlizzi
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 90'
Cast: Andrea Arcangeli, Martina Catalfamo, Fausto Morciano, Angela Curri, Matthieu Dessertine, Luigi Catani
Sceneggiatura: Cosimo Terlizzi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Intervista a Cosimo Terlizzi» Interviste (n° 26/2018)

Roberto Silvestri

Al cinema sono transgender (da Lloyd Kaufman a Straub-Huillet passando per Claudia Weil e Jerry Lewis). Primo film visto Scaramouche, primo film perso I cavalieri della tavola rotonda. Tessera Filmstudio dal 1968. Cofondatore del Politecnico cinema nel 1974.  Critico del manifesto dal 1977 al 2012. Nato a Lecce. Studi con Garroni, Brandi, Abruzzese. Registi preferiti Bunuel e Rocha (sia Paulo che Glauber), Aldrich e Siegel. De Antonio e Grifi. Diop Mambety e Ghatak. Dorothy Arzner e Stephanie Rothman (nata a Paterson come Lou Costello), Fassbinder e Aki Kaurismaki, Russ Meyer e… Rivista di cinema preferita Velvet Light Trap/Camera Obscura. E oggi Trafic. Consigli ai giovani appassionati di cinema? Partire dai formalisti russi.


Roberto Silvestri

Al cinema sono transgender (da Lloyd Kaufman a Straub-Huillet passando per Claudia Weil e Jerry Lewis). Primo film visto Scaramouche, primo film perso I cavalieri della tavola rotonda. Tessera Filmstudio dal 1968. Cofondatore del Politecnico cinema nel 1974.  Critico del manifesto dal 1977 al 2012. Nato a Lecce. Studi con Garroni, Brandi, Abruzzese. Registi preferiti Bunuel e Rocha (sia Paulo che Glauber), Aldrich e Siegel. De Antonio e Grifi. Diop Mambety e Ghatak. Dorothy Arzner e Stephanie Rothman (nata a Paterson come Lou Costello), Fassbinder e Aki Kaurismaki, Russ Meyer e… Rivista di cinema preferita Velvet Light Trap/Camera Obscura. E oggi Trafic. Consigli ai giovani appassionati di cinema? Partire dai formalisti russi.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy