Sposami, stupido! di Tarek Boudali - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Ilaria Feole dice che L'uomo in più è il film da salvare oggi in TV.
Su Italia1 alle ore 02:50.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Noi siamo orfani della Rivoluzione. E spesso pensiamo che non c'è più una vittoria possibile, che il mondo è disincantato e alla fine ci rassegniamo. Il cinema, al contrario, ci dice, a suo modo, che ci sono vittorie possibili anche nel mondo peggiore.... Non bisogna disperarsi. È quel che il cinema ci racconta, io credo. Ed è per questo che dobbiamo amarlo. (Alain Badiou)»

scelta da
Mariuccia Ciotta

cinerama
8332
servizi
2865
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 25/2018

Sposami, stupido!


Regia di Tarek Boudali

Pur avendo la tendenza, in caso di testate, a stare dalla parte di Zidane, riconosco che in Francia, anche in fatto di cinema, non tutto luccichi. Prendete per esempio questo Sposami, stupido!: in patria ha totalizzato 2 milioni e 400 mila spettatori a oggi, mentre la commedia italiana che nella prima metà del 2018 ha incassato di più, Benedetta follia, ne ha raccolti 1 milione e 100 mila di meno (così fate la proporzione). Si può spiegare il successo solo pensando alla popolarità multimediale dei protagonisti. La cosiddetta Bande à Fifi, trio comico di Canal+ di cui già parlammo recensendo Alibi.com, ovvero Philippe Lacheau, Tarek Boudali e Julien Arruti (qui defilato), imbarca tale Andy Rowski, youtuber celebre in patria. La costruzione della storia è ai limiti della farsa(ccia), la messa in scena sciatta (tranne nella sequenza sul ponte, risolta con una certa professionalità). Ma sono soprattutto i presupposti narrativi a sorprendere in negativo. Il pretesto è un “mariage blanc”, un finto matrimonio, al quale è costretto Yassine (Boudali, anche regista) per avere il permesso di soggiorno. Donne disponibili non ce ne sono, allora chiede al migliore amico Lacheau di portarlo all’altare. Mossa tutt’altro che facile, essendo non solo etero ma anche promesso sposo appunto alla bella youtuber. Entra a gamba tesa un ispettore che non crede alla sincerità di quel matrimonio, a interpretarlo un’altra star comica di Canal+, Philippe Duquesne. Un film confezionato per compiacere il pubblico (giovane) di riferimento, tra lazzi e battute vagamente omofobe, comunque volgari (si pensi alla “prova d’amore” richiesta dalla vecchia).

I 400 colpi

MG
4
Sposami, stupido! (2017)
Titolo originale: Épouse-moi mon pote
Regia: Tarek Boudali
Genere: Commedia - Produzione: Francia - Durata: 92'
Cast: Tarek Boudali, Philippe Lacheau, Philippe Duquesne, Andy Rowski, Charlotte Gabris, David Marsais, Julien Arruti, Baya Belal, Zinedine Soualem, Doudou Masta
Sceneggiatura: Tarek Boudali, Khaled Amara, Pierre Dudan

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy