Papillon di Michael Noer - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alice Cucchetti dice che Shame è il film da salvare oggi in TV.
Su Cielo alle ore 01:15.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Quando chiesero a Marx cos’è la dittatura del proletariato rispose: ”la Comune di Parigi, perché ha abolito l’esercito e la polizia”. Poi vennero i Soviet e Solidarnosc. Questo è il movimento. Non nacquero per caso. (C.L.R. James)»

cinerama
8317
servizi
2857
cineteca
2673
opinionisti
1788
locandine
1003
serialminds
762
scanners
478
Recensione pubblicata su FilmTv 26/2018

Papillon


Regia di Michael Noer

In tutta evidenza, Rami Malek e Charlie Hunnam - protagonisti rispettivamente delle serie tv Mr. Robot e Sons of Anarchy, come si preoccupa di ricordarci il trailer - non sono Dustin Hoffman e Steve McQueen all’apice della carriera. Il regista danese Michael Noer, al primo film hollywoodiano e al quarto lungo di fiction in totale, non è Franklin J. Schaffner, che nel 1973 vantava già, tra le altre cose, un Oscar per Patton, generale d’acciaio e un cult immortale come Il pianeta delle scimmie in curriculum. Il cinema di questi anni dieci non è quello dei 70, il romanzo autobiografico Papillon è ancora celebre ma non più un recente e chiacchierato caso letterario, del suo autore Henri Charrière, al centro di polemiche sulla veridicità dei fatti raccontati e deceduto dopo la lavorazione del film tratto dal suo memoir, si ricordano in pochi. E il Papillon del 2017, è ovvio, non è (e non avrà probabilmente lo stesso successo di) quello del 1973, ma resta un oggetto curioso, e godibile. Perché, per certi versi, è il più classico dei remake: Noer ripropone la storia di Henri “Papillon”, ingiustamente condannato a vita in una colonia penale della Guyana francese negli anni 30, con minime varianti rispetto alla versione del 1973 (e quel che aggiunge, cioè l’incipit e l’epilogo, è proprio ciò di cui si poteva fare a meno). Per altri aspetti è decisamente (troppo?) contemporaneo, soprattutto nella regia - competente e più esplicita nel mostrare la violenza, ma meno ambiziosa, più pulita, meno epica - e nelle interpretazioni. Con Hunnam che, dopo Civiltà perduta, si riconferma a proprio agio in ruoli “d’altri tempi”: e, in questo, assomiglia al film.

I 400 colpi

AC
6
AF
5
FM
4
RMO
7
media
5.5
Papillon (2017)
Titolo originale: Papillon
Regia: Michael Noer
Genere: Drammatico - Produzione: Usa/Serbia/Malta - Durata: 133'
Cast: Charlie Hunnam, Rami Malek, Tommy Flanagan, Eve Hewson, Michael Socha, Roland Møller, Christopher Fairbank, Nina Senicar, Brian Vernel, Yorick van Wageningen
Sceneggiatura: Aaron Guzikowski

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.


Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy