Herbert West Reanimator di Ivan Zuccon - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Decameron è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 01:10.

Dove sono finite le sex symbol? Dal nostro archivio, una riflessione del 2012 di Roy Menarini.

Rick Alverson (in concorso a #Venezia75 con The Mountain ) è un comico da prendere decisamente sul serio. Lo avevamo segnalato negli Scanners.

Manca poco per la quinta stagione (su Netflix dal 14 settembre). Il cavallo più (o meno) famoso di Hollywoo sta per tornare.

Tra i 30 registi italiani più votati del nostro sondaggio pubblicato su FilmTv n° 34 c'è lui. Noi lo conosciamo bene, e voi?

Per festeggiare David Cronenberg che verrà premiato con il Leone alla carriera a Venezia 75 abbiamo pensato di rendere disponibili tutti gli articoli archiviati nella nostra collezione Locandine. A partire da La zona morta.

La citazione

«What happened to Gary Cooper? The strong, silent type. That was an American. He wasn’t in touch with his feelings. He just did what he had to do. (David Chase - The Sopranos)»

cinerama
8138
cineteca
2926
servizi
2687
opinionisti
1714
locandine
992
serialminds
738
scanners
471
Recensione pubblicata su FilmTv 27/2018

Herbert West ReAnimator


Regia di Ivan Zuccon

Rimontaggio di una webserie, è il quinto film su otto tratto da Lovecraft di uno dei migliori autori di cinema dell’orrore italiani. Il che significa uno capace di fare propria una materia respingente. Perché è triste, lo stato del nostro orrore: budget bassi, interpreti non noti e al limite dell’amatoriale (qui il protagonista è Cerman, regista di In nomine Satan, e feticcio di Zuccon), sospensione del senso di incredulità sempre sotto pressione. Eppure Zuccon, se non si non tacciano le sue immagini di ridicolo e se gli si concede l’alibi dei presupposti produttivi, riesce a fare cinema personale, capace di rielaborare liberamente il referente letterario restando coerente all’autore, e in grado soprattutto di far di pauperismo virtù, con soluzioni di riporto (Glazer, Lynch...), ma lontane da secche realiste. Arte povera, ma visionaria.

I 400 colpi

GS
6
Herbert West ReAnimator (2017)
Titolo originale: -
Regia: Ivan Zuccon
Genere: Horror - Produzione: Italia - Durata: 70'
Cast: Emanuele Cerman, Valentina Bivona, Rita Rusciano, Alessio Cherubini, Roberta Marrelli, Elisa Carrera Fumagalli, Marco Tizianel, Veronica Urban, Valentina Framarin, Sofia Pauly
Sceneggiatura: Ivan Zuccon
Musiche: Mauro Crivelli
Fotografia: Ivan Zuccon

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.


Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy