Il banchiere anarchico di Giulio Base - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che La capra Penelope è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 20:20.

Tra i film che abbiamo già visto dell'edizione 2019 del Festival di Cannes c'è La Gomera di Corneliu Porumboiu, che non ci ha convinto. Vi invitiamo a confrontare le parole di Roberto Manassero con quelle di Sangiorgio, che con questa recensione, qualche anno fa, nella rubrica Scanners, presentava quest'autore della Nuova onda rumena.

Il cast dei sequel di Avatar cresce (ve ne parliamo nella prossima newsletter, nella vostra casella di posta sabato 18 maggio). Per l'occasione vi riproponiamo un confronto critico pubblicato all'epoca dell'uscita del primo film.

Il calciomercato delle piattaforme streaming e dei canali a pagamento, dai destini sempre più intrecciati. Un'analisi di Andrea Bellavita.

Lo scorso 9 maggio è morto a Seattle lo sceneggiatore Alvin Sargent, fra gli sceneggiatori più eclettici e di maggior successo nelle ultime cinque decadi di Hollywood. Suo è Paper Moon , che gli valse la prima nomination agli Oscar. Vi riproponiamo la locandina di Gianni Amelio.

Il 24 maggio arriva su Netflix una nuova serie spagnola che si chiama Alto mare (ve la segnaliamo brevemente nel numero di questa settimana). Avrà il successo di La casa di carta ?

La citazione

«Un colpo solo (Michael Cimino - Il cacciatore)»

cinerama
8649
servizi
3090
cineteca
2812
opinionisti
1906
locandine
1028
serialminds
820
scanners
488
Recensione pubblicata su FilmTv 41/2018

Il banchiere anarchico


Regia di Giulio Base

Pasolini va bene sopra tutto, anche su Pessoa. «Nulla è più anarchico del potere. Il potere fa praticamente ciò che vuole»: questa sua celebre frase apre il film che Base ha tratto da Il banchiere anarchico di Fernando Pessoa, forse per ribadire ciò che il film, adattando fedelmente il testo originale, dice esplicitamente dalla prima scena, cioè che in una società fondata sul denaro la spregiudicatezza di un banchiere figlio del popolo è figlia dalla stessa rabbia anarchica. Base si cala nei panni del sinistro milionario, immerge la conversazione dell’uomo col suo unico amico in un ambiente teatrale e cupo, trasforma l’economia di mezzi in minimalismo espressivo, senza però in rigore. La conversazione è tesa, ben confezionata, ma l’idea che il regista ha di quello che dovrebbe essere un film d’autore è puro midcult.

I 400 colpi

RM
5
Il banchiere anarchico (2018)
Titolo originale: -
Regia: Giulio Base
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 82'
Cast: Giulio Base, Paolo Fosso
Sceneggiatura: Giulio Base
Musiche: Pietro Freddi
Montaggio: Gabriele Burchiellaro
Fotografia: Diego Riccobene

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy