Le Ereditiere di Marcelo Martinessi - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Sergio M. Grmek Germani dice che La capra Penelope è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 20:20.

Tra i film che abbiamo già visto dell'edizione 2019 del Festival di Cannes c'è La Gomera di Corneliu Porumboiu, che non ci ha convinto. Vi invitiamo a confrontare le parole di Roberto Manassero con quelle di Sangiorgio, che con questa recensione, qualche anno fa, nella rubrica Scanners, presentava quest'autore della Nuova onda rumena.

Il cast dei sequel di Avatar cresce (ve ne parliamo nella prossima newsletter, nella vostra casella di posta sabato 18 maggio). Per l'occasione vi riproponiamo un confronto critico pubblicato all'epoca dell'uscita del primo film.

Il calciomercato delle piattaforme streaming e dei canali a pagamento, dai destini sempre più intrecciati. Un'analisi di Andrea Bellavita.

Lo scorso 9 maggio è morto a Seattle lo sceneggiatore Alvin Sargent, fra gli sceneggiatori più eclettici e di maggior successo nelle ultime cinque decadi di Hollywood. Suo è Paper Moon , che gli valse la prima nomination agli Oscar. Vi riproponiamo la locandina di Gianni Amelio.

Il 24 maggio arriva su Netflix una nuova serie spagnola che si chiama Alto mare (ve la segnaliamo brevemente nel numero di questa settimana). Avrà il successo di La casa di carta ?

La citazione

«We want our film to be beautiful, not realistic.»

cinerama
8649
servizi
3090
cineteca
2812
opinionisti
1906
locandine
1028
serialminds
820
scanners
488
Recensione pubblicata su FilmTv 42/2018

Le Ereditiere


Regia di Marcelo Martinessi

Dietro l’eleganza decadente e decaduta della dimora di Asunción in cui è ambientato buona parte di Le ereditiere - lungometraggio d’esordio del paraguaiano Marcelo Martinessi - risiede assopita la vita delle due protagoniste, Chiquita e Chela, anziane sopravvissute di famiglie un tempo benestanti, costrette a mettere in vendita la loro preziosa mobilia e a camuffare più o meno tacitamente la loro relazione sentimentale. L’odore di stantio, il velo della polvere, l’ombra delle veneziane socchiuse sono i resti di un passato familiare e inevitabilmente collettivo, con l’ombra della dittatura di Stroessner, terminata nel 1989, a inseguire ancora oggi il moderno Paraguay. Martinessi non esplicita il nesso politico del suo film, ma per età, ceto sociale e indolenza le sue figure sono reduci, più che ereditiere, di una storia di cui sono state anonime comprimarie. La vicenda di Chela (Ana Brun, premiata alla Berlinale 2018 come miglior attrice), la più introversa delle due donne, che dopo l’arresto per debiti dell’esuberante compagna trova una nuova dimensione grazie al lavoro (autista improvvisata per signore dedite al bridge quotidiano) e addirittura il risveglio del desiderio (per Angy, la figlia di una delle sue clienti), rivela l’esplicita necessità di liberazione di un popolo e di una nazione. La metafora è meccanica, anche ovvia, ma non per questo superflua. E Martinessi lavora abilmente di sottrazione per non appesantire il lavoro impressionista sugli spazi sovraccarichi e sui tempi dilatati, soffocando a poco a poco l’identità ritrovata di Chela in un morboso, offuscato dramma della rinuncia.

I 400 colpi

PA
8
IF
7
MG
7
RM
7
MM
6
EM
6
FM
6
GAN
5
LP
7
GS
6
media
6.5
Le Ereditiere (2018)
Titolo originale: Las herederas
Regia: Marcelo Martinessi
Genere: Drammatico - Produzione: Germania/Francia/Brasile/Norvegia/Paraguay/Uruguay - Durata: 98'
Cast: Ana Brun, Margarita Irun, Ana Ivanova, Nilda Gonzalez, María Martins, Alicia Guerra, Mecha Armele
Sceneggiatura: Marcelo Martinessi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy