Millennium: quello che non uccide di Fede Alvarez - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che La promessa è il film da salvare oggi in TV.
Su Sky Cinema Suspense alle ore 22:30.

La Berlinale conferma: il suo fondatore è stato un consigliere nazista

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Tutti i travestimenti del mondo non coprono la puzza di marcio. (Zatōichi)»

scelta da
Nicola Cupperi

cinerama
9502
servizi
3974
cineteca
3277
opinionisti
2242
locandine
1102
serialminds
1043
scanners
517
Recensione pubblicata su FilmTv 44/2018

Millennium: quello che non uccide


Regia di Fede Alvarez

La prigione del passato. Che nella trasposizione di Quello che non uccide diventa ancora più opprimente, sia rispetto alla trilogia svedese sia all’ottimo Uomini che odiano le donne di Fincher. L’adattamento non è più dal creatore della saga Stieg Larsson, ma da David Lagercrantz. L’hacker Lisbeth Salander stavolta deve fronteggiare spie, criminali informatici e funzionari governativi corrotti. E si troverà di nuovo a chiedere aiuto al giornalista Mikael Blomkvist. L’inizio è fulmineo, con la protagonista da bambina e la sua fuga nella neve assieme alla sorella e al padre. La saga pare quasi cambiare look, spingendosi su un terreno alle soglie del gotico. E Lisbeth sembra continuamente convivere con la sua ombra, quella della sua famiglia e quella del suo corpo. Con una notevole prova di Claire Foy, ancora volto mutante dopo la serie The Crown e il soderberghiano Unsane, che regala a Lisbeth più identità nascoste, superiori anche a quelle di Noomi Rapace e Rooney Mara. Sono più in ombra, invece, gli effetti delle sue azioni nella scrittura del giornalista Blomkvist. Ma ad Alvarez interessa soprattutto filmare l’action nella sua essenza, pur servendosi anche delle complesse tele del ragno di una scrittura (tra gli autori c’è anche Steven Knight) fin troppo elaborata. Stoccolma diventa il luogo di inseguimenti e fantasmi. E nel cinema di Alvarez gli spazi chiusi continuano a essere il punto di forza, dopo la capanna di La casa e l’abitazione del cieco di Man in the Dark: segnati dai corridoi, gli edifici sembrano diventare bunker e possono esplodere. Lì, le forme della spy story (ri)cambiano ogni volta prospettive.

I 400 colpi

SE
7
Millennium: quello che non uccide (2018)
Titolo originale: The Girl in the Spider's Web
Regia: Fede Alvarez
Genere: Thriller - Produzione: Usa/Gb/Germania/Svezia/Canada - Durata: 117'
Cast: Claire Foy, Vicky Krieps, Sylvia Hoeks, Sverrir Gudnason, Lakeith Stanfield, Stephen Merchant, Volker Bruch
Sceneggiatura: Fede Alvarez, Steven Knight, Jay Basu

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Simone Emiliani

Direttore artistico di Valdarno Cinema Fedic, collabora con Sentieri Selvaggi, Film Tv, Cineforum e Filmcritica. Tra le varie pubblicazioni, i volumi Walter Hill (scritto con Mauro Gervasini, ed. Falsopiano), Dustin Hoffman (ed. Gremese) e Fughe da Hollywood, scritto con Carlo Altinier (ed. Le Mani).

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy