I Villani di Daniele De Michele - la recensione di FilmTv

La citazione

«La televisione è meglio del cinema. Sai sempre dov'è la toilette. (Dino Risi)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
10324
servizi
4956
cineteca
3675
opinionisti
2463
serialminds
1272
locandine
1158
scanners
534
Recensione pubblicata su FilmTv 46/2018

I Villani


Regia di Daniele De Michele

Salvatore, di Alcamo, è energico e visionario; Modesto, irpino, ha la semplicità marxiana dell’allevatore che crede nel prodotto finito del proprio lavoro; Luigina, trentina, è tornata alla terra per realizzarsi; Michele e Santino pescano, allevano (e mangiano) cozze a Taranto. L’elezione della figura del contadino a protagonista di una nuova contemporaneità accorta e consapevole non è tema nuovo, ma continua a suggerire lo scollamento dei nostri tempi e la frizione tra natura e cultura. Montaggio alternato, squarci paesaggistici e musica accompagnano questo appassionato doc on the road, un po’ avaro di dialettica, ma ricco di volti, dialetti e cibo. Quattro pezzi d’Italia filtrati dall’esperienza dei “villani” protagonisti, che possono suscitare empatia o distacco a seconda della concezione del mondo da cui li si guarda.

I 400 colpi

AA
6
I Villani (2018)
Titolo originale: -
Regia: Daniele De Michele
Genere: Documentario - Produzione: Italia - Durata: 76'

Musiche: Marco Messina, Sacha Ricci
Montaggio: Donatella Ruggiero
Fotografia: Salvatore Landi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Adriano Aiello

Scrivo. Di cinema, cibo, vino e stanchezza esistenziale in metropolitana. Sarei potuto essere un intellettuale, ma fortunatamente nel 1993 uscì la prima edizione di Championship Manager. Sono tra i 7 più grandi giocatori della storia di Risiko.

Profilo Facebook

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy