Black Tide di Erick Zonca - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che Amore a prima Svista è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 00:55.

Se vi sono piaciuti Forza maggiore e The square , c'è un invisibile di Ruben Östlund che vi consigliamo di recuperare, presentato alla Quinzaine 2011.

Gianni Amelio racconta I nuovi mostri e riflette sull'Italia e sulla commedia all'italiana. Rileggete la locandina del 2005, il film è in streaming su RaiPlay.

Il 3 dicembre arrivano su Prime Video le prime 5 stagioni di questa serie Marvel. Curiosi? Scoprite di che parla nella nostra recensione.

L'ultimo film di Paul Schrader, First Reformed , esce direttamente in dvd, ma per noi è il film della settimana. Ripercorriamo la carriera di questo regista con un ritratto di Roberto Manassero.

Quando Rete 4 fu mandata sul satellite. Dialogo tra un canale televisivo e Tommaso Labranca.

La citazione

«Un colpo solo (Michael Cimino - Il cacciatore)»

cinerama
8332
servizi
2865
cineteca
2680
opinionisti
1794
locandine
1004
serialminds
763
scanners
479
Recensione pubblicata su FilmTv 47/2018

Black Tide


Regia di Erick Zonca

Sfinito dopo il telefilm di Canal + Soldat blanc, sulla guerra francese d’Indocina, tutto girato in Cambogia (è inedito in Italia ma pare sia molto bello e nel 2015 ha vinto l’International Emmy Award), Érick Zonca, regista del non dimenticato La vita sognata degli angeli, si è voluto dedicare a un film di genere, per il grande schermo. Il suo libraio di fiducia gli ha consigliato di leggere Un caso di scomparsa di Dror Mishani (in Italia pubblicato da Guanda) che ha ispirato la sceneggiatura scritta con Lou de Fanget Signolet. Un ragazzino sparisce nel nulla. L’inchiesta è in un primo momento nelle mani di un poliziotto, Vincent Cassel, ma coinvolto nell’indagine è anche il professore Romain Duris, che ha velleità di romanziere e pare trarre ispirazione dalla vicenda, con qualche ambiguità. Non diciamo di più, trattandosi di un thriller, ma anche in questo caso siamo di fronte all’esercizio di stile di un cineasta non abituato al genere, che forse per quello è troppo interessato a misurarsi con gli stereotipi ignorando le sfumature. Così il presunto probabile colpevole è sfuggente e il poliziotto alcolizzato, violento e con casini familiari. Verrebbe da dire: come da copione. Ci sono attenuanti causa problemi di lavorazione. Il povero Cassel è arrivato in medias res perché lo sbirro era in principio Depardieu, che si è sentito male e ha abbandonato il set a lavorazione già avviata, e il personaggio è stato cambiato. Affascina invece l’aspetto formale, la ricerca caparbia della noirceur (diciamo “oscurità”, ma il francese ha più sfumature) anche grazie all’ottima direzione della fotografia di Paolo Carnera.

I 400 colpi

MG
5
Black Tide (2018)
Titolo originale: Fleuve noir
Regia: Erick Zonca
Genere: Noir - Produzione: Francia/Belgio - Durata: 114'
Cast: Vincent Cassel, Romain Duris, Sandrine Kiberlain, Elodie Bouchez, Charles Berling, Hafsia Herzi, Jérôme Pouly, Félix Back, Lauréna Thellier, Stéphan Wojtowicz
Sceneggiatura: Erick Zonca, Lou de Fanget Signolet

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy