Un giorno all'improvviso di Ciro D'Emilio - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulia Bona dice che Benvenuti a Zombieland è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai4 alle ore 00:45.

Dopo l’elezione di Donald Trump del 2016, Mauro Gervasini realizza una ricognizione sui film e i cambiamenti a Hollywood durante i due mandati del primo presidente americano nero, Barack Obama. Vi riproponiamo le sue riflessioni.

Siamo gli Oscar, e per rispondere a #OscarsSoWhite ora sì che ci preoccupiamo di dare visibilità agli artisti Neri e Donna! Ma in modo meccanico, superficiale e tutto sommato dannoso. Un'analisi di Ilaria Feole del 2018, pienamente attuale.

Muore a 97 anni la fidanzata d'America, Doris Day, una carriera leggendaria di cantante e attrice ma soprattutto il volto dell' american girl . In una filmografia per lo più dedicata alla commedia brillante scegliamo un titolo diverso, uno dei più famosi thriller di Alfred Hitchcock, per ricordarla.

Il 18 giugno arriva su Sky Atlantic la seconda stagione, ma in origine era una miniserie senza seguito: i nuovi episodi sono tutti diretti da Andrea Arnold, e non vediamo l'ora di tornare a seguire le vicende delle protagoniste di Big Little Lies. La recensione della prima stagione, di Alice Cucchetti.

Questa settimana ripeschiamo dall'archivio un film invisibile contenuto in un numero di Scanners dedicato alle metamorfosi,le trasformazioni, il cambiamento del corpo, il mutamento. Ad un ribaltamento kafkiano, per la precisione, nel caso di questo film di Denis Côté.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8691
servizi
3127
cineteca
2827
opinionisti
1917
locandine
1031
serialminds
830
scanners
490
Recensione pubblicata su FilmTv 48/2018

Un giorno all'improvviso


Regia di Ciro D'Emilio

In un luogo che sembra e parla come Napoli suburra, ma non troppo - per farne una categoria dello spirito, prima che una terra da descrivere - un diciassettenne cerca di sopravvivere con la madre. Gioca a calcio, con talento, difensore per chiamata, e bada a lei. Lei che è stata abbandonata dal marito, che è depressa, e instabile, che è malata e ai margini, come fosse una vergogna. Lui si chiama Antonio, e non c’è niente, di quello che fa, che non sia anche per sua madre, perché niente e nessuno gli importa maggiormente, perché lui è tutto, per lei: è l’unica cosa che le resta. Un provino per il Parma calcio, per Antonio, non è solo un obiettivo professionale, non è solo un sogno, è un modo possibile per sopravvivere, finalmente: è il modo con cui strappare la madre da quel luogo, da quei lacci fatti di colpa e rancore che la legano a quella ipotesi di Napoli, da un amore perduto che è solo fallimento umiliante, dal vizio della speranza. Non s’è mai accorto di avere 17 anni, Antonio. Ma può abbandonarlo, quel luogo dello spirito? Come può esserci, un coming of age, lì? La risposta è radicale, disperata, e succede un giorno all’improvviso. L’idea di cinema è quella di Giovannesi, D’Innocenzo, Albertini, De Paolis, cinema nuovo che produce bei film e stesse maniere: ambiente realista di degrado, ottimi interpreti, scrittura non didascalica, con tema ma non sottomessa, trame di gioventù alla prova della catastrofe dei padri, in balia di madri fragili, e chiamata alla parola «responsabilità» (anche del cinema sul reale?). Solo Edoardo De Angelis sa che quello è già un immaginario barocco. Ma questa è un’altra storia.

I 400 colpi

PMB
7
MM
7
RMO
6
GAN
7
LP
6
GS
7
media
6.7
Un giorno all'improvviso (2018)
Titolo originale: -
Regia: Ciro D'Emilio
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 88'
Cast: Anna Foglietta, Giampiero De Concilio, Massimo De Matteo, Giuseppe Cirillo, Lorenzo Sarcinelli, Biagio Forestieri
Sceneggiatura: Ciro D’Emilio, Cosimo Calamini

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Madre e figlio» Interviste (n° 48/2018)

Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.


Giulio Sangiorgio

Nasce su quel ramo del lago di Como e, quando non guarda, scrive. Gli piace il cinema comico - Buster Keaton, Jerry Lewis, Charlie Bowers, Pierre Etaix - quindi non può che diffidare della facile ironia. Pretende che i film sfidino le convinzioni del suo sguardo, per questo preferisce, sempre, ciò che eccede. Lo guida Chris Marker, piange Alain Resnais e, ingenuamente, crede che non esista correlazione tra l'r moscia e la voglia costante di cinema francese. Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker, edita libri per Bietti Heterotopia. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio. «E di me dico "egli"; – uno che non mi riguarda». Solo per ora, però.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy