Ralph spacca Internet di Phil Johnston, Rich Moore - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulia Bona dice che Benvenuti a Zombieland è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai4 alle ore 00:45.

Dopo l’elezione di Donald Trump del 2016, Mauro Gervasini realizza una ricognizione sui film e i cambiamenti a Hollywood durante i due mandati del primo presidente americano nero, Barack Obama. Vi riproponiamo le sue riflessioni.

Siamo gli Oscar, e per rispondere a #OscarsSoWhite ora sì che ci preoccupiamo di dare visibilità agli artisti Neri e Donna! Ma in modo meccanico, superficiale e tutto sommato dannoso. Un'analisi di Ilaria Feole del 2018, pienamente attuale.

Muore a 97 anni la fidanzata d'America, Doris Day, una carriera leggendaria di cantante e attrice ma soprattutto il volto dell' american girl . In una filmografia per lo più dedicata alla commedia brillante scegliamo un titolo diverso, uno dei più famosi thriller di Alfred Hitchcock, per ricordarla.

Il 18 giugno arriva su Sky Atlantic la seconda stagione, ma in origine era una miniserie senza seguito: i nuovi episodi sono tutti diretti da Andrea Arnold, e non vediamo l'ora di tornare a seguire le vicende delle protagoniste di Big Little Lies. La recensione della prima stagione, di Alice Cucchetti.

Questa settimana ripeschiamo dall'archivio un film invisibile contenuto in un numero di Scanners dedicato alle metamorfosi,le trasformazioni, il cambiamento del corpo, il mutamento. Ad un ribaltamento kafkiano, per la precisione, nel caso di questo film di Denis Côté.

La citazione

«Tutti i luoghi che ho visto, che ho visitato ora so ne sono certo: non ci sono mai stato. (Giorgio Caproni - Esperienza)»

scelta da
Pedro Armocida

cinerama
8691
servizi
3127
cineteca
2827
opinionisti
1917
locandine
1031
serialminds
830
scanners
490
Recensione pubblicata su FilmTv 52/2018

Ralph spacca Internet


Regia di Phil Johnston, Rich Moore

Sei anni dopo gli eventi del primo film, Ralph Spaccatutto - il “cattivo” del gioco arcade Felix Aggiustatutto - e Vanellope von Schweetz - la principessa pilota di Sugar Rush - vivono apparentemente felici in un idilliaco tran tran. Ma quando, nel mondo reale, il volante di Sugar Rush si rompe e il mondo di Vanellope rischia il pensionamento forzato, i due amici si gettano nel neoarrivato, sconosciuto ed eccitante universo di internet, in cerca di un cruciale rimpiazzo su eBay. Se Ralph Spaccatutto si divertiva nell’osservare l’attrito, anche visivo, tra diverse tipologie videoludiche, questo sequel si tuffa nell’impresa di mettere in immagini il web: inevitabile che la metropoli epilettica e frastornante dove non tramonta mai il sole, gli umani hanno la forma di avatar dalla testa quadra e gli uccellini si rimbalzano foto di gattini, sia infestata di brand e marchi noti, proprio come il primo film pullulava di citazioni dirette alla storia dei videogiochi. L’accumulo di stimoli assume sfumature (volutamente?) sinistre, soprattutto e significativamente quando Vanellope inciampa in un angolo di rete chiamato Oh My Disney, che dispiega sullo schermo la potenza imperialista della casa di Topolino, una legione di principesse, stormtrooper e supereroi Marvel. Allo stesso modo, il doppio filo narrativo - il coming of age di Vanellope e la tentazione per il lato oscuro di Ralph - si fonde brillantemente in un mostro finale inquietante, che condensa, moltiplica e amplifica le nostre peggiori paure. In un panorama dove la possibilità infinita del sogno genera incubi, a partire da ogni singola vulnerabilità: suona familiare?

I 400 colpi

PA
7
MC
5
AC
7
AF
8
FM
7
RMO
7
ES
7
RS
5
media
6.6
Ralph spacca Internet (2018)
Titolo originale: Ralph Breaks the Internet
Regia: Phil Johnston, Rich Moore
Genere: Animazione - Produzione: Usa - Durata: 112'

Sceneggiatura: Phil Johnston, Pamela Ribon
Musiche: Henry Jackman

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Intervista a Clark Spencer» Interviste (n° 01/2019)

Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.


Alice Cucchetti

Nasce a Busto Arsizio, studia a Bologna, vive a Milano. I suoi genitori le hanno sempre detto di non guardare i telefilm, inevitabilmente indirizzandola verso un consumo appassionato e compulsivo di serialità televisiva. Tra gli autori storici di Serialmente.com e co-fondatrice di Mediacritica.it, ha curato la rubrica Cinetv di "Nocturno" e ha collaborato, tra gli altri, con Best Movie, Best Serial, Abbiamoleprove, Grazia.it, Osservatorio Tv. Ama le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici, i paradossi temporali, i gatti e il cioccolato. Oltre che sulle pagine di Film Tv, dove cura le rubriche Serial Minds e Telepass, chiacchiera ai microfoni di "Pilota - Un podcast sui telefilm", il programma sulle serie tv di Querty.it.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy