Alita - Angelo della battaglia di Robert Rodriguez - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Il silenzio degli innocenti è il film da salvare oggi in TV.
Su Spike alle ore 01:10.

State già seguendo su TIMVision la seconda stagione di Killing Eve ? Vi riproponiamo l'intervista doppia alle due attrici protagoniste realizzata per l'arrivo della prima stagione, l'anno scorso.

Remake, reboot, prequel, sequel. E degli adattamenti, non possiamo proprio fare a meno? L'opinione di Roy Menarini.

Michelle Yeoh è appena stata scelta da James Cameron per i tre sequel previsti di Avatar. Vi riproponiamo allora la locandina di Emanuela Martini scritta per il film del 2009.

Sulla seconda stagione abbiamo pareri discordi (cfr. il Perché sì / Perché no di FilmTv n° 16). Ma la prima stagione di The OA ci era piaciuta molto: la recensione di Giulio Sangiorgio.

La seconda stagione di Big Little Lies , che era nata come miniserie, uscirà a giugno ed è diretta non più da Jean-Marc Vallée ma da una regista americana di cui abbiamo parlato spesso nelle nostre pagine. Questo è il primo film suo che abbiamo recensito nella rubrica Scanners.

La citazione

«All work and no play makes Jack a dull boy»

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487
Recensione pubblicata su FilmTv 07/2019

Alita - Angelo della battaglia


Regia di Robert Rodriguez

James Cameron ha cominciato vent’anni fa a lavorare al progetto di Alita - Angelo della battaglia, dal manga di Yukito Kishiro: l’inventore di Terminator non poteva non essere attratto dall’umanità dei cyborg che il dottor Ido amorevolmente ripara. Poi ha fatto Avatar, ma ha continuato a giocherellare con Alita, finendo per esserne produttore e co-sceneggiatore e lasciando la regia a Robert Rodriguez. Ma non c’è dubbio che, nella storia della ragazzina mezza cyborg raccattata dal buon dottore della città bassa tra i rifuti della città alta Zalem, si respiri un’inequivocabile aria “cameroniana”. Materna; o meglio, paterna (ma, anche qui, una mamma è sempre una mamma, come un medico è sempre un medico). Romantica, con la love story tra i due giovani depauperati di Iron City (e Rosa Salazar in motion capture e con big eyes manga è molto più sexy del partner umano Hugo). Ecologista: la città del 2563 è un cumulo di stili e di macerie, un formicaio violento e miserabile che si ravviva solo quando si fa a botte per strada o nei pub, o quando si gioca a motorball. Per lo più tra cyborg ultraccessoriati e feroci. La sceneggiatura pesca tra action, fantascienza, mélo romantico, dottor Frankenstein e cyberpunk, un po’ di thriller (e di serial killer), e perde spesso i pezzi per strada. E il côté visivo va di pari passo, frullando Blade Runner, Elysium, Ghost in the Shell, naturalmente Terminator e Rollerball e ogni altro riferimento distopico da Metropolis in poi. Il 3D è superfluo e inutilizzato (e questo, dall’occhio di Avatar, sorprende). Robert Rodriguez: non pervenuto.

I 400 colpi

PA
7
AC
5
FDM
5
AF
8
MG
4
EM
4
FM
5
RMO
6
media
5.5
Alita - Angelo della battaglia (2019)
Titolo originale: Alita: Battle Angel
Regia: Robert Rodriguez
Genere: Fantascienza - Produzione: Canada/Argentina/Usa - Durata: 122'
Cast: Rosa Salazar, Christoph Waltz, Jennifer Connelly, Mahershala Ali, Ed Skrein
Sceneggiatura: James Cameron, Laeta Kalogridis, Robert Rodriguez

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy