Alita - Angelo della battaglia di Robert Rodriguez - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulio Sangiorgio dice che All'ombra delle donne è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai3 alle ore 01:20.

Le catene della colpa di Jacques Tourneur è in streaming su RaiPlay

Tra i film in concorso alla Berlinale 70 c'è Le sel des larmes di Philippe Garrel, autore che amiamo molto e di cui spesso abbiamo parlato sulla rivista, come in questo lungo "racconto" di Rinaldo Censi.

Puntualizzazioni di Giona A. Nazzaro a proposito delle critiche rivolte al film Hammamet di Gianni Amelio.

A breve arriverà la terza stagione, quindi Sky Atlantic fa ripartire in replica la prima il 2 marzo. E noi ve ne riproponiamo la recensione.

Arriva in sala il film La Gomera , film del regista rumeno Corneliu Porumboiu. Su Film Tv n° 08 lo intervistiamo, qui riproponiamo la recensione di un suo film ancora inedito, segnalato nella rubrica Scanners.

La citazione

«We want our film to be beautiful, not realistic.»

cinerama
9127
servizi
3464
cineteca
3027
opinionisti
2097
locandine
1067
serialminds
907
scanners
504
Recensione pubblicata su FilmTv 07/2019

Alita - Angelo della battaglia


Regia di Robert Rodriguez

James Cameron ha cominciato vent’anni fa a lavorare al progetto di Alita - Angelo della battaglia, dal manga di Yukito Kishiro: l’inventore di Terminator non poteva non essere attratto dall’umanità dei cyborg che il dottor Ido amorevolmente ripara. Poi ha fatto Avatar, ma ha continuato a giocherellare con Alita, finendo per esserne produttore e co-sceneggiatore e lasciando la regia a Robert Rodriguez. Ma non c’è dubbio che, nella storia della ragazzina mezza cyborg raccattata dal buon dottore della città bassa tra i rifuti della città alta Zalem, si respiri un’inequivocabile aria “cameroniana”. Materna; o meglio, paterna (ma, anche qui, una mamma è sempre una mamma, come un medico è sempre un medico). Romantica, con la love story tra i due giovani depauperati di Iron City (e Rosa Salazar in motion capture e con big eyes manga è molto più sexy del partner umano Hugo). Ecologista: la città del 2563 è un cumulo di stili e di macerie, un formicaio violento e miserabile che si ravviva solo quando si fa a botte per strada o nei pub, o quando si gioca a motorball. Per lo più tra cyborg ultraccessoriati e feroci. La sceneggiatura pesca tra action, fantascienza, mélo romantico, dottor Frankenstein e cyberpunk, un po’ di thriller (e di serial killer), e perde spesso i pezzi per strada. E il côté visivo va di pari passo, frullando Blade Runner, Elysium, Ghost in the Shell, naturalmente Terminator e Rollerball e ogni altro riferimento distopico da Metropolis in poi. Il 3D è superfluo e inutilizzato (e questo, dall’occhio di Avatar, sorprende). Robert Rodriguez: non pervenuto.

I 400 colpi

PA
7
AC
5
FDM
5
AF
8
MG
4
EM
4
FM
5
RMO
6
media
5.5
Alita - Angelo della battaglia (2019)
Titolo originale: Alita: Battle Angel
Regia: Robert Rodriguez
Genere: Fantascienza - Produzione: Canada/Argentina/Usa - Durata: 122'
Cast: Rosa Salazar, Christoph Waltz, Jennifer Connelly, Mahershala Ali, Ed Skrein
Sceneggiatura: James Cameron, Laeta Kalogridis, Robert Rodriguez

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Emanuela Martini

Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai). Onnivora: mi piace tutto (quando mi piace). Autori di culto: Michael Powell e Robert Altman. Serie: Twin Peaks e I Soprano forever. Rimpiango il cinema americano anni ’70 e il metabolismo dei trent’anni. Vivo in un disordine "escheriano", tra libri, oggetti, dvd, foto, abiti e scarpe, con Lucrezia, gatta petulante di 19 anni. Credo allo Stregatto (quello di Alice): qui in giro aleggia il sorriso di Blimp, Sibella e Oreste.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy