L'ingrediente segreto di Gjorce Stavreski - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Il silenzio degli innocenti è il film da salvare oggi in TV.
Su Spike alle ore 01:10.

State già seguendo su TIMVision la seconda stagione di Killing Eve ? Vi riproponiamo l'intervista doppia alle due attrici protagoniste realizzata per l'arrivo della prima stagione, l'anno scorso.

Remake, reboot, prequel, sequel. E degli adattamenti, non possiamo proprio fare a meno? L'opinione di Roy Menarini.

Michelle Yeoh è appena stata scelta da James Cameron per i tre sequel previsti di Avatar. Vi riproponiamo allora la locandina di Emanuela Martini scritta per il film del 2009.

Sulla seconda stagione abbiamo pareri discordi (cfr. il Perché sì / Perché no di FilmTv n° 16). Ma la prima stagione di The OA ci era piaciuta molto: la recensione di Giulio Sangiorgio.

La seconda stagione di Big Little Lies , che era nata come miniserie, uscirà a giugno ed è diretta non più da Jean-Marc Vallée ma da una regista americana di cui abbiamo parlato spesso nelle nostre pagine. Questo è il primo film suo che abbiamo recensito nella rubrica Scanners.

La citazione

«You Cannot Be Serious! (John McEnroe)»

scelta da
Rinaldo Censi

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487
Recensione pubblicata su FilmTv 08/2019

L'ingrediente segreto


Regia di Gjorce Stavreski

Di fronte a L’ingrediente segreto (film vincitore del 36° Bergamo Film Meeting), l’impressione è che il regista Gjorce Stavreski abbia guardato alla commedia all’italiana invertendone però la traiettoria: se in film come I soliti ignoti o Il sorpasso (si pensi soprattutto al secondo dei due titoli) dal comico di superficie affiora in maniera evidente un trasporto funebre sempre più forte, qui, tra le pieghe del dramma sociale, riesce, invece, a trovare spazio il gioco degli equivoci. Siamo a Skopje, in Macedonia: il paese è in ostaggio di un neoliberismo selvaggio che affama i poveri cristi e li obbliga a cercare conforto nelle cialtronerie dei venditori di fumo. Come succede a Vele, operaio senza stipendio in un deposito ferroviario, costretto quotidianamente a lottare per poter comprare le medicine al padre malato di cancro, almeno fino a quando non trova su un vagone un pacco di droga. A questo punto il film comincia a seguire percorsi imprevisti e oscillando tra amore e squallore, tra cinismo e moralismo (i personaggi sono descritti con intermittente complicità), colora la tragedia di un’ironia che, a tratti, sfuma nella comicità. Stavreski gioca con un immaginario (e quindi con le nostre stesse aspettative spettatoriali), quello fatto di storie d’ordinaria tragedia e d’inarrestabile disperazione (che siamo soliti associare a un certo cinema est europeo), per poi farlo cortocircuitare con registri insoliti rispetto a quella tradizione. Ed è proprio in questo détournement, in questa operazione di straniamento che è da rintracciare il maggior merito del film.

I 400 colpi

MM
6
L'ingrediente segreto (2018)
Titolo originale: Iscelitel
Regia: Gjorce Stavreski
Genere: Commedia drammatica - Produzione: Macedonia - Durata: 104'
Cast: Blagoj Veselinov, Anastas Tanovski, Aksel Mehmet, Aleksandar Mikic, Miroslav Petkovic, Dime Ilijev, Simona Dimkovska, Goran Stojanovski, Igor Angelov, Senko Velinov
Sceneggiatura: Gjorce Stavreski

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Matteo Marelli

Nota biografica in forma di plagio (Io copio talmente tanto che neppure più me ne accorgo):
pensierino della sera:
«Il critico non fa il cinema, ci va. La sua grandezza – non il suo limite – è questa: teniamocela stretta»
buon proposito del mattino:
«Il critico se vuole uscire dalla marginalità deve inventarsi nuovi modi di scrivere, parlare, far passare il cinema, il pensiero che il cinema mette ancora in forma»


Matteo Marelli

Nota biografica in forma di plagio (Io copio talmente tanto che neppure più me ne accorgo):
pensierino della sera:
«Il critico non fa il cinema, ci va. La sua grandezza – non il suo limite – è questa: teniamocela stretta»
buon proposito del mattino:
«Il critico se vuole uscire dalla marginalità deve inventarsi nuovi modi di scrivere, parlare, far passare il cinema, il pensiero che il cinema mette ancora in forma»

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy