La promessa dell'alba di Eric Barbier - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Il silenzio degli innocenti è il film da salvare oggi in TV.
Su Spike alle ore 01:10.

State già seguendo su TIMVision la seconda stagione di Killing Eve ? Vi riproponiamo l'intervista doppia alle due attrici protagoniste realizzata per l'arrivo della prima stagione, l'anno scorso.

Remake, reboot, prequel, sequel. E degli adattamenti, non possiamo proprio fare a meno? L'opinione di Roy Menarini.

Michelle Yeoh è appena stata scelta da James Cameron per i tre sequel previsti di Avatar. Vi riproponiamo allora la locandina di Emanuela Martini scritta per il film del 2009.

Sulla seconda stagione abbiamo pareri discordi (cfr. il Perché sì / Perché no di FilmTv n° 16). Ma la prima stagione di The OA ci era piaciuta molto: la recensione di Giulio Sangiorgio.

La seconda stagione di Big Little Lies , che era nata come miniserie, uscirà a giugno ed è diretta non più da Jean-Marc Vallée ma da una regista americana di cui abbiamo parlato spesso nelle nostre pagine. Questo è il primo film suo che abbiamo recensito nella rubrica Scanners.

La citazione

«Se una rana avesse le ali non sbatterebbe tante volte il culo per terra (John McCabe)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
8590
servizi
3060
cineteca
2790
opinionisti
1889
locandine
1024
serialminds
811
scanners
487
Recensione pubblicata su FilmTv 11/2019

La promessa dell'alba


Regia di Eric Barbier

Un’autobiografia, un romanzo d’amore, l’opera di un mitomane, la storia di una donna folle, un memoir carico di affetto e risentimento. È tante cose tutte insieme, La promessa dell’alba, il romanzo che Romain Gary - nato Roman Kacew e noto anche con un altro pseudonimo, Émile Ajar - scrisse nel 1960 per ricostruire il rapporto che lo legava alla madre possessiva e al suo fantasma impossibile da scacciare. Da Vilnius a Nizza, dall’Inghilterra all’Africa e poi al Messico; dall’antisemitismo in Polonia negli anni 20 alla Francia degli anni 30 e poi alla Seconda guerra mondiale, la vita di Romain scorre nel segno della madre che sogna per lui una carriera da grand’uomo: scrittore, ambasciatore, tenente dell’esercito francese, donnaiolo, eroe. Tutte cose che Romain diventerà per davvero, ossessionato dall’idea di compiacere la madre e condannato a mettere in scena la propria esistenza come una promessa da mantenere. Barbier dà forma a questa vasta materia letteraria traducendo però la limpida scrittura di Gary con uno stile da romanzo televisivo poco conforme al modello originale. Il racconto, va detto, proprio nel tentativo di riprodurre l’anima bigger than life dei due protagonisti procede appassionante e senza cedimenti, gestendo il doppio binario della Storia collettiva e della vicenda privata; ma per le stesse ragioni la vulcanica Gainsbourg nella parte della madre - memore forse di Melina Mercouri nella precedente versione cinematografica del romanzo diretta da Dassin - è sempre fuori controllo, e finisce così per mangiarsi non solo il film, ma pure la prova più struggente e malinconica di Niney.

I 400 colpi

IF
6
AF
5
RM
5
RMO
5
media
5.3
La promessa dell'alba (2017)
Titolo originale: La promesse de l'aube
Regia: Eric Barbier
Genere: Mélo/Biografico - Produzione: Francia/Belgio - Durata: 131'
Cast: Pierre Niney, Charlotte Gainsbourg, Didier Bourdon, Jean-Pierre Darroussin, Catherine McCormack, Finnegan Oldfield, Pawel Puchalski, Némo Schiffman, Zoe Boyle, Lou Chauvain
Sceneggiatura: Eric Barbier, Marie Eynard

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Tutte le farfalle del meraviglioso» Lost Highway (n° 11/2019)

Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963
Credits - Contatti
Privacy Policy