C'è tempo di Walter Veltroni - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Giulia Bona dice che Benvenuti a Zombieland è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai4 alle ore 00:45.

Dopo l’elezione di Donald Trump del 2016, Mauro Gervasini realizza una ricognizione sui film e i cambiamenti a Hollywood durante i due mandati del primo presidente americano nero, Barack Obama. Vi riproponiamo le sue riflessioni.

Siamo gli Oscar, e per rispondere a #OscarsSoWhite ora sì che ci preoccupiamo di dare visibilità agli artisti Neri e Donna! Ma in modo meccanico, superficiale e tutto sommato dannoso. Un'analisi di Ilaria Feole del 2018, pienamente attuale.

Muore a 97 anni la fidanzata d'America, Doris Day, una carriera leggendaria di cantante e attrice ma soprattutto il volto dell' american girl . In una filmografia per lo più dedicata alla commedia brillante scegliamo un titolo diverso, uno dei più famosi thriller di Alfred Hitchcock, per ricordarla.

Il 18 giugno arriva su Sky Atlantic la seconda stagione, ma in origine era una miniserie senza seguito: i nuovi episodi sono tutti diretti da Andrea Arnold, e non vediamo l'ora di tornare a seguire le vicende delle protagoniste di Big Little Lies. La recensione della prima stagione, di Alice Cucchetti.

Questa settimana ripeschiamo dall'archivio un film invisibile contenuto in un numero di Scanners dedicato alle metamorfosi,le trasformazioni, il cambiamento del corpo, il mutamento. Ad un ribaltamento kafkiano, per la precisione, nel caso di questo film di Denis Côté.

La citazione

«Revolution is my boyfriend»

cinerama
8691
servizi
3127
cineteca
2827
opinionisti
1917
locandine
1031
serialminds
828
scanners
490
Recensione pubblicata su FilmTv 11/2019

C'è tempo


Regia di Walter Veltroni

Dimentichiamo chi è il regista e cosa ha fatto nella vita. Vediamo C’è tempo senza pregiudizi. È un road movie-con-ragazzino, un po’ come Sole a catinelle con Checco Zalone. Ma con pochissimi riferimenti al presente italiano (qualche battuta su precari e bancari). Invece c’è tanto cinema, come in un brutto Wenders. Il tredicenne protagonista ha il mito di I 400 colpi, mentre la sua amica vede solo le serie tv; ora della fine incontrerà il vero Jean-Pierre Léaud in una brasserie parigina. Poi Léaud sembra schiattare a un tavolo, prostrato dalla partecipazione speciale, ma questo sarebbe un altro film. C’è spazio per Scola, Fellini e un sacco di Bertolucci, con visita alla stalla di Novecento e lunga clip (ma non la scena con Burt Lancaster sporcaccione). Insomma, l’opera prima di un giovane regista che ci ficca dentro tutto quello che ama, anche la musica (Dalla) e i libri (Del Giudice), che ci vuole fare condividere le sue passioni. Lieto come un bimbo di giocare con il cinema, sfoggia pianisequenza e usa droni, ralenti, grandangoli e ogni diavoleria digitale che consente il budget. Insomma, un giovane che vuole dire tutto e alla fine non dice molto: l’elogio dei perdenti che inseguono gli arcobaleni, una volontà di poesia insistita e polverosa (spesso i giovani sono molto vecchi) e le prevedibili cadute di tono: siparietti comici agghiaccianti, timidissimi spunti quasi sexy (mi dicono che il regista ama Mariano Laurenti, oltre che Truffaut), e anche un po’ di calcio e nostalgia anni 70, per agganciare un ampio spettro di pubblico. Un film iperreale. Incredibile. Un incubo.

I 400 colpi

PA
6
MG
3
MM
2
FM
1
RMO
1
GAN
5
GS
2
media
2.9
C'è tempo (2019)
Titolo originale: -
Regia: Walter Veltroni
Genere: Commedia - Produzione: Italia - Durata: 107'
Cast: Stefano Fresi, Giovanni Fuoco, Simona Molinari, Francesca Zezza, Jean-Pierre Léaud, Max Tortora, Giovanni Benincasa, Anna Billò, Laura Efrikian, Silvia Gallerano, Sergio Pierattini
Sceneggiatura: Walter Veltroni, Doriana Leondeff

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Alberto Pezzotta

Alberto Pezzotta si è occupato di cinema italiano (Ridere civilmente. Il cinema di Luigi Zampa; Il western italiano; Regia Damiano Damiani; Mario Bava; la curatela, con Stefania Parigi, di Il lungo respiro di Brunello Rondi), di storia della critica (La critica cinematografica; la curatela, con Anna Gilardelli, di Alberto Moravia, Cinema italiano. Recensioni e interventi 1933-1990), di cinema orientale (Tutto il cinema di Hong Kong). Ha collaborato alla Storia del cinema mondiale di Gian Piero Brunetta e alla Storia del cinema italiano del CSC, oltre che a riviste come “Bianco e Nero”, "Imago", “8 1/2”. Scrive di cinema e musica su "Blow Up". Ha tradotto libri, tra gli altri, di Chinua Achebe, Eric Bogosian, Harry Crews, James Dickey, Barry Gifford, Jim Harrison, Hanif Kureishi, Lorrie Moore, Joyce Carol Oates, Hugues Pagan, Derek Raymond, Colm Tóibín.
Twitter: @APezzotta.


Alberto Pezzotta

Alberto Pezzotta si è occupato di cinema italiano (Ridere civilmente. Il cinema di Luigi Zampa; Il western italiano; Regia Damiano Damiani; Mario Bava; la curatela, con Stefania Parigi, di Il lungo respiro di Brunello Rondi), di storia della critica (La critica cinematografica; la curatela, con Anna Gilardelli, di Alberto Moravia, Cinema italiano. Recensioni e interventi 1933-1990), di cinema orientale (Tutto il cinema di Hong Kong). Ha collaborato alla Storia del cinema mondiale di Gian Piero Brunetta e alla Storia del cinema italiano del CSC, oltre che a riviste come “Bianco e Nero”, "Imago", “8 1/2”. Scrive di cinema e musica su "Blow Up". Ha tradotto libri, tra gli altri, di Chinua Achebe, Eric Bogosian, Harry Crews, James Dickey, Barry Gifford, Jim Harrison, Hanif Kureishi, Lorrie Moore, Joyce Carol Oates, Hugues Pagan, Derek Raymond, Colm Tóibín.
Twitter: @APezzotta.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy