Il viaggio di Yao di Philippe Godeau - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Simone Emiliani dice che Estasi è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 05:00.

Nello stesso giorno, il 12 aprile, partono negli Usa la terza stagione di Killing Eve e la prima della nuova serie in cui è coinvolta Phoebe Waller-Bridge: Run . Quando arriveranno da noi? Nell'attesa, riproponiamo la recensione della seconda stagione della serie incentrata sul rapporto di odio-amore tra Villanelle e Eve Polastri.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

Un ricordo di Emir Kusturica e di un equivoco lungo un festival e oltre.

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
9212
servizi
3648
cineteca
3122
opinionisti
2157
locandine
1080
serialminds
962
scanners
508
Recensione pubblicata su FilmTv 14/2019

Il viaggio di Yao


Regia di Philippe Godeau

Fa onore a Omar Sy la consapevolezza della sua condizione di attore nero dall’anima bianca: un bounty, come lo definisce il piccolo Yao in questo film dall’evidente matrice autobiografica che l’attore francese di origini senegalesi e mauritane - qui anche produttore con il regista Philippe Godeau - ha cucito sulla sua esperienza. Celebre in Francia e sradicato nel mondo d’origine, in Il viaggio di Yao Sy interpreta Seydou Tall, un popolare attore che accetta l’invito di un festival di Dakar per incontrare il pubblico. Qui incontra Yao, un ragazzino con qualche anno in più del figlio rimasto a casa, e nel corso di un viaggio lungo l’intero corpo del Senegal, verso il paese dove lo stesso Yao vive e nella regione dove Seydou ha le radici, finirà per rinascere sia come padre sia come africano. Scena dopo scena, un intero paese srotola il suo catalogo di ovvietà, dall’inaffidabilità di orari e impegni alle danze tribali, dalla veggenza degli anziani all’ospitalità di chi poco o nulla possiede, alla differenza fra il tempo del consumismo e l’eternità del deserto: tanto basta, però, a Seydou per comprendere la lezione e tornare a casa. Certo, il titolo fa riferimento a Yao come vero protagonista del film, ma è un voluto ribaltamento di ruoli rispetto all’abituale funzionalità del personaggio di Sy, sovente impegnato in ruoli di spalla o di guida per uomini bianchi. Yao è il futuro di Seydou, e insieme il suo passato da emendare: un rispecchiamento e un mutamento che ribadiscono la natura intima del film, ma come tutto il resto gli negano con la loro elementarità ogni possibile sfumatura o vera emozione.

I 400 colpi

RM
5
ES
6
media
5.5
Il viaggio di Yao (2018)
Titolo originale: Yao
Regia: Philippe Godeau
Genere: Commedia drammatica - Produzione: Francia - Durata: 104'
Cast: Omar Sy, Lionel Louis Basse, Gwendolyn Gourvenec, Fatoumata Diawara, Germaine Acogny, Alibeta, Abdoulaye Diop, Ismaël Charles Amine Saleh, Mame Fatou Ndoye, Aristote Laios
Sceneggiatura: Philippe Godeau, Agnès de Sacy

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy