Avengers: Endgame di Anthony Russo, Joe Russo - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Le conseguenze dell'amore è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 13:00.

Storie di streghe, da Angela Lansbury a Bella Ramsey.

Su FilmTv n° 34 Ilaria Feole racconta la passione/fissazione/nostalgia per gli anni '80 di cinema e serialità. Tra gli 8 horror che non muoiono mai è citato La casa di Sam Raimi, di cui vi raccontiamo la storia con questa locandina del 2008.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«All work and no play makes Jack a dull boy»

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494
Recensione pubblicata su FilmTv 18/2019

Avengers: Endgame


Regia di Anthony Russo, Joe Russo

Piaccia o non piaccia, Infinity War è stato l’unico tra tanti recenti blockbuster spesso indistinguibili tra loro a lasciare davvero, col suo finale in sospeso, il pubblico in febbrile attesa della conclusione. Come, eoni fa, un certo L’impero colpisce ancora. Allora Endgame è come Il ritorno dello Jedi? In un certo senso sì. Ma, nel chiudere (per ora) un ciclo di 11 anni e 22 film, ciò che affascina è il suo restare, in ciascuno degli addendi (tanti, lungo tre ore di durata, a partire da una parata senza fine di personaggi, con più d’uno per forza ridotto a muta comparsa), sempre in equilibrio tra epica autentica e astuto marketing. Facile gridare alla lesa maestà del materiale di partenza (però, ha ancora senso?). Più utile riflettere sul fatto che la bulimia citazionista dei cinecomix Marvel, da subito diretta a impossessarsi di immaginari altrui (qui da Ritorno al futuro al Thor/grande Lebowski, l’idea più azzeccata), diventa ora autofagia. Letteralmente, perché gli eroi, viaggiando indietro nel tempo alla ricerca delle gemme dell’infinito per rimediare allo schiocco di dita genocida di Thanos, di fatto ritornano in film precedenti del franchise, alterandoli, parodiandoli, correggendoli. E quando, dopo uno spettacolone innegabile, ma con un villain meno efficace della prima volta, coerentemente muore chi deve morire, strappando pure una mezza lacrimuccia, il dubbio resta: è la fine del viaggio (come suggerisce la promozione) o sono scaduti i contratti? Però, di fronte alla sala gremita che partecipa, applaude e resta fino alla fine dei titoli di coda in fedele attesa di scene post-credit (che non ci sono), forse non ha senso porselo.

I 400 colpi

AA
5
MC
5
AC
7
FDM
5
SE
10
IF
6
AF
9
MG
7
FM
4
RMO
8
EMO
6
GAN
8
ES
7
RS
6
FT
5
media
6.5
Avengers: Endgame (2019)
Titolo originale: Avengers: Endgame
Regia: Anthony Russo, Joe Russo
Genere: Supereroico - Produzione: Usa - Durata: 182'
Cast: Robert Downey Jr., Chris Evans, Mark Ruffalo, Chris Hemsworth, Brie Larson, Scarlett Johansson, Karen Gillan, Paul Rudd, Dave Bautista, Tessa Thompson, Evangeline Lilly
Sceneggiatura: Christopher Markus, Stephen McFeely

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati



Rocco Moccagatta

Studiava giurisprudenza, ma andava più spesso al cinema di quanto avrebbe dovuto. D'altronde il padre l'ha portato per anni al cinema ogni sabato. Di cosa potrebbe dunque lamentarsi? Dopo l'università, fa la cosa giusta e comincia a occuparsi davvero di film, persino professionalmente. Oggi lo insegna pure, il cinema, in IULM e in altre università del regno, soprattutto il cinema classico e il cinema dei generi popolari, la sua passione da sempre. Per campare guarda anche molta televisione, visto che lavora come scenarista e analista dei media presso la factory di media research Neopsis (non si pronuncia Neopsais, eh...). Ha scritto e scrive da tante parti, da Duel/Duellanti a Marla, da Ottoemezzo a L'officiel Homme. Nel tempo, ha scoperto che gli piace molto il cinema italiano di ieri e di oggi e che si può non vergognarsene. Il riconoscimento più prezioso è stato essere ribattezzato "Giancarlo Cianfrusaglie" da Maccio Capatonda.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy