L'uomo che comprò la luna di Paolo Zucca - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alberto Pezzotta dice che Brama di vivere è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 08:55.

Storie di streghe, da Angela Lansbury a Bella Ramsey.

Su FilmTv n° 34 Ilaria Feole racconta la passione/fissazione/nostalgia per gli anni '80 di cinema e serialità. Tra gli 8 horror che non muoiono mai è citato La casa di Sam Raimi, di cui vi raccontiamo la storia con questa locandina del 2008.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494
Recensione pubblicata su FilmTv 18/2019

L'uomo che comprò la luna


Regia di Paolo Zucca

Quando si diffonde la diceria che un pescatore sardo abbia comprato la luna, si mobilita anche la Casa bianca: i servizi segreti italiani decidono quindi di infiltrare nella provincia remota dell’isola un paracadutista milanese di origine sarda, che si fa chiamare Kevin Pinelli ma in realtà risponde al nome di Gavino Zoccheddu. Per chi conosce il rock’n’roll dei Barrittas o, meglio ancora, per chi ha messo le mani su una di quelle audiocassette semiclandestine in sardo stretto, che circolavano nei primi anni 90 (Visitors fece epoca), Benito Urgu assomiglia a un mito vivente. Ne sa qualcosa Giovanni Storti, che ne trasse ispirazione per dar vita al suo Nico negli sketch dei sardi a Mai dire gol. Il secondo film di Paolo Zucca, già regista dell’acclamato L’arbitro, ruota attorno alla figura di Urgu, qui guida spirituale di “sardità” per l’ingenuo Kevin. Tra scatenati match di morra o di calcio balilla si consumano così gag esilaranti, tutti giocati sugli stereotipi dell’isolano - non manca quello legato alle pecore e alla solitudine - e accomunati dalla medesima tonalità di slapstick surreale, con Stefano Fresi e Francesco Pannofino intenti a rinverdire (ancora) i fasti di Stanlio e Ollio. Ángela Molina, invece, garantisce la quota di fascino immortale, che colora un epilogo animista e ancestrale insieme, guidato da quel realismo magico che va contaminando sempre più il cinema italiano. Jacopo Cullin si dimostra maschera comica dal potenziale non trascurabile, benché in L’uomo che comprò la luna latiti la novità spiazzante capace di trascinare e di farsi ricordare, al di là del gradevole e prevedibile divertissement passeggero.

I 400 colpi

ES
6
L'uomo che comprò la luna (2018)
Titolo originale: -
Regia: Paolo Zucca
Genere: Grottesco - Produzione: Italia/Albania/Argentina - Durata: 102'
Cast: Jacopo Cullin, Francesco Pannofino, Stefano Fresi, Angela Molina, Benito Urgu, Lazar Ristovski, Gregory Dayton, Andrea Prodan, Hervé Segata
Sceneggiatura: Paolo Zucca, Barbara Alberti, Geppi Cucciari

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Emanuele Sacchi

Nato nella città delle due discoteche e 106 farmacie, presto smarrito nei meandri del rock e del cinematografo. È ingegnere informatico, benché si finga pensatore umanista. Giornalista pubblicista, critico cinematografico e musicale, collabora con FilmTv, MYmovies.itRumore, Filmidee, Asiaexpress ed è direttore della testata web Hong Kong Express (www.hkx.it). È autore di 50x35mm - Soundtrack Rumorose (Homework, 2016), con Stefano Locati di Il nuovo cinema di Hong Kong - Voci e sguardi oltre l'handover (Bietti, 2014) e con Francesca Monti di Richard Linklater - La deriva del sogno americano (Bietti, 2017). Film: Apocalypse Now (ma non Redux). Album: Forever Changes dei Love (anche per il titolo).

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy