Takara - La notte che ho nuotato di Kohei Igarashi, Damien Manivel - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Le conseguenze dell'amore è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 13:00.

Storie di streghe, da Angela Lansbury a Bella Ramsey.

Su FilmTv n° 34 Ilaria Feole racconta la passione/fissazione/nostalgia per gli anni '80 di cinema e serialità. Tra gli 8 horror che non muoiono mai è citato La casa di Sam Raimi, di cui vi raccontiamo la storia con questa locandina del 2008.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«Tutti i travestimenti del mondo non coprono la puzza di marcio. (Zatōichi)»

scelta da
Nicola Cupperi

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494
Recensione pubblicata su FilmTv 21/2019

Takara - La notte che ho nuotato


Regia di Kohei Igarashi, Damien Manivel

Un bambino e la neve. Quella di Aomori, la più nevosa città del Giappone. Un papà pescatore, ombra dolce, sognata, attesa dal figlio in una notte insonne. Un viaggio che sembra una fuga improvvisa(ta), un inconsapevole imprevisto. Accade, e basta. È Takara, un «tesoro». È il nome (vero) del bambino. Qualcosa di prezioso. Come questo film di Manivel & Igarashi, successione silenziosa e leggiadra di haiku puerili, una favola sulle note di Vivaldi che si lib(e)ra dai suoi autori, da uno sguardo guida esterno, e gioiosamente gli sfugge, consegnandosi a una dolce apnea tipica dei film di Manivel, percorsi da una progressiva perdita della parola: se Rémi di Un jeune poète la usa fin troppo e i fanciulli di Le parc abbozzano, balbettano, Takara è silente, assorto, abbandonato alla propria spensieratezza innocente, a desideri affettivi non verbalizzabili, a un trasognato carpe diem attraverso spazi che si piegano armoniosamente a un vagabondare senza ragione e senza pensiero, e si aprono a un onirismo indiretto. Stazioni, strade, vicoli, stanze: luoghi del quotidiano sfilati da una dimensione di realtà e divenuti paraventi magici dietro cui nascondersi, curiosare, errare, addormentare il tempo. Acquari in cui l’incantamento dell’infanzia dilata la struttura dei giorni e li imbeve di una trasparenza immaginosa, zone limbali fra sogno e realtà al cui interno ogni cosa di questo mondo è sorgente di meraviglia incontaminata, di raggi verdi possibili, per un piccolo principe adagiato in una comica muta ed eterea, un Rohmer per bimbi dove non succede niente. In apparenza. Che bellezza. 

I 400 colpi

FDM
7
IF
8
RM
6
EM
5
FM
7
RMO
7
LP
7
GS
7
media
6.8
Takara - La notte che ho nuotato (2018)
Titolo originale: Takara - La nuit où j'ai nagé
Regia: Kohei Igarashi, Damien Manivel
Genere: Avventura - Produzione: Giappone/Francia - Durata: 79'
Cast: Takara Kogawa, Keiki Kogawa, Takashi Kogawa, Chisato Kogawa, Yûji Kudô
Sceneggiatura: Kohei Igarashi, Damien Manivel

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Il senso di Takara per la neve -...» Interviste (n° 21/2019)

Fiaba Di Martino

Fiaba riceve in fasce un nome lezioso che le profetizza l'amore per le storie, nel cinema, sul cinema e del cinema: a dieci anni vota i film disegnando a matita i pollici di Film Tv accanto ai biglietti della multisala più bella di sempre, l'Arcadia; di lì a poco si innamora delle finestre di Hitchcock, degli occhi di Jean Gabin e dell'aplomb di Lauren Bacall, e lo urla al mondo prima dal giornalino scolastico del classico poi dai siti web (MyMovies, Players, PositifCinema, BestMovie.it), mentre frequenta corsi di scrittura alla Scuola Civica di Cinema milanese e scrive un libro su Xavier Dolan con la collega positivista Laura Delle Vedove. Lost in translation nello stereo totale, ritrova se stessa nella pioggia di Madison County, nelle lettere di Gramsci, nelle ferite di David Grossman, nelle urla liberatorie di Sion Sono, nelle risate di Shosanna Dreyfus, nei silenzi di Antonioni, nelle parole di Frances Ha («non sono ancora una vera persona») e nello spazio tra i titoli di testa e quelli di coda.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy