Rocketman di Dexter Fletcher - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Il buono, il brutto e il cattivo è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Noi siamo orfani della Rivoluzione. E spesso pensiamo che non c'è più una vittoria possibile, che il mondo è disincantato e alla fine ci rassegniamo. Il cinema, al contrario, ci dice, a suo modo, che ci sono vittorie possibili anche nel mondo peggiore.... Non bisogna disperarsi. È quel che il cinema ci racconta, io credo. Ed è per questo che dobbiamo amarlo. (Alain Badiou)»

scelta da
Mariuccia Ciotta

cinerama
9425
servizi
3895
cineteca
3240
opinionisti
2222
locandine
1097
serialminds
1028
scanners
514
Recensione pubblicata su FilmTv 22/2019

Rocketman


Regia di Dexter Fletcher

Il biopic è sempre più rock. Anzi, qui è quasi “opera rock”. Sfacciata, kitsch, celebrativa, ironica, melodrammatica... Vita, musica e tormenti di Elton John, icona pop, talento (in)naturale, uomo tormentato da mille dipendenze, tornato sano e salvo dall’inferno per essere elevato nel paradiso del cinema. Un “santino” - come accade facilmente quando il bio-film è dedicato a una celebrità vivente - che però si prende il lusso di non accontentarsi di un ritratto in bianco e nero (vocazione, trionfo, catastrofe, redenzione), affidandosi ai colori della musica, usata a piene mani, in live o “in life”, nel bel mezzo della vita, come in un musical. Il tono è quello di una confessione semiseria, buffa e commossa. Lo vediamo già nel prologo, con John che cammina trionfante lungo un corridoio, con le sue paillette, le ali diaboliche, i tacchi alti, per approdare in realtà in un centro di auto-aiuto (la sala cinematografica) e raccontare le sue dipendenze, alcol, droga, sesso, shopping, ma soprattutto affetto, quello mai avuto dai genitori. Dexter Fletcher - sì, proprio lui, quello che ha portato in trionfo Bohemian Rhapsody - non si accontenta di celebrare il gusto camp di John (è un’orgia di travestimenti esagerati e oggetti improbabili), ma flirta col fantastico, raccontando una sorta di marziano, un Mozart del pop-rock. Il film è fan service, ma si apprezza la mancanza di ansie da prestazione: l’accumulo è divertito, le ingenuità oneste. Non un esercizio di mimesi, come il “predecessore” Bohemian: qui contano di più lo stile e la coreografia, tanto che gioie e drammi alla fine sembrano solo una scusa per cantare e ballare un’altra volta.

I 400 colpi

SE
7
EM
5
FM
3
RMO
6
GAN
5
ES
5
FT
7
media
5.4
Rocketman (2019)
Titolo originale: Rocketman
Regia: Dexter Fletcher
Genere: Biografico/Musicale - Produzione: Gb/Usa - Durata: 121'
Cast: Taron Edgerton, Richard Madden, Bryce Dallas Howard, Stephen Graham, Jamie Bell, Gemma Jones, Tom Bennett
Sceneggiatura: Lee Hall

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati


His Song» Servizi (n° 23/2019)

Fabrizio Tassi

Critico cinematografico, giornalista professionista, ma anche scrittore, autore di opere teatrali, direttore artistico di festival culturali, docente di cinema per scuole, enti, associazioni. Vicedirettore di Cineforum, rivista e sito, oltre a collaborare con FilmTv scrive anche per Micromega. L'incontro con l'animatore marchigiano Simone Massi ha prodotto un libro (Nuvole e mani per minimum fax), un documentario (Animata resistenza, regia di Girotto-Montagner, Leone nel 2014 per il Miglior documentario sul cinema ) e la sigla della Mostra del cinema di Venezia. Appassionato di montagna, libri e filosofia (soprattutto orientale). Ottimo camminatore. 

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy