Serenity - L'isola dell'inganno di Steven Knight - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Alberto Pezzotta dice che Brama di vivere è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 08:55.

Storie di streghe, da Angela Lansbury a Bella Ramsey.

Su FilmTv n° 34 Ilaria Feole racconta la passione/fissazione/nostalgia per gli anni '80 di cinema e serialità. Tra gli 8 horror che non muoiono mai è citato La casa di Sam Raimi, di cui vi raccontiamo la storia con questa locandina del 2008.

Hirokazu Kore-eda torna a Venezia dopo due anni: il suo La vérité aprirà infatti #Venezia76. Il film presentato in concorso a Venezia 74 era stato The Third Murder, tuttora inedito in Italia, fatta eccezione per una proiezione allo Spazio Oberdan di Milano del mese di febbraio 2019. Ne riproponiamo qui la recensione.

Nel 2011, in occasione dell’uscita in sala del film di Jean-Jacques Annaud Il principe del deserto , con Antonio Banderas e Tahar Rahim, avevamo voluto ripercorrere la storia del Sahara al cinema. Vi riproponiamo oggi questo percorso.

Il 21 agosto arriva su Sky Atlantic la settima e ultima stagione di Veep . Riprendiamo il filo con la recensione della stagione 6.

La citazione

«Revolution is my boyfriend»

cinerama
8787
servizi
3215
cineteca
2884
opinionisti
1971
locandine
1040
serialminds
850
scanners
494
Recensione pubblicata su FilmTv 29/2019

Serenity - L'isola dell'inganno


Regia di Steven Knight

L’eterna lotta fra l’uomo e il tonno: Matthew McConaughey (record personale: da zero a completamente sopra le righe in meno di tre minuti) insegue un pescione di nome Giustizia, a bordo di una barca di nome Serenità; novello Achab, veterano dell’Iraq, vuole Giustizia a tal punto da indebitarsi. Il che rende provvidenziale l’arrivo della sua ex, Anne Hathaway con tinta bionda e finto neo da fatalona, che gli propone un affare: un mucchio di soldi in cambio della morte “accidentale” dell’attuale marito violento, un Jason Clarke che pare usare A letto col nemico come galateo. Steven Knight torna alla regia sei anni dopo la doppietta Redemption - Identità nascoste/Locke, e conferma il suo amore per un dispositivo maniacale: qui però non è l’elegante e claustrofobico “mélo nell’abitacolo” di Locke, ma un meccanismo arzigogolato e arduo da spiegare senza incappare in spoiler macroscopici. Diremo solo che, dopo la prima metà del film, avrà un senso il fatto che McConaughey, Hathaway e Clarke siano, più che veri personaggi, dei surrogati maldestri e survoltati degli stereotipi del noir. Vessati e guidati come burattini dalle regole usurate di un gioco che si chiama cinema di genere, di cui Knight sembra volutamente sbertucciare la meccanicità e l’illogicità. O forse, come per tanti registi contemporanei, l’intento è fare un atto di resa, dichiarare tramite l’escamotage del ribaltone che il noir, oggi, è un genere impossibile, e allora non resta che la formula, l’algoritmo, l’autodistruzione. Anche come opera teorica, però, Serenity, coi suoi attori spaesati quanto noi spettatori, pare dormire, più che pigliare pesci.

I 400 colpi

PMB
5
FDM
4
IF
4
AF
4
MG
4
RM
6
FM
0
RMO
5
LP
6
GS
5
RS
6
media
4.9
Serenity - L'isola dell'inganno (2019)
Titolo originale: Serenity
Regia: Steven Knight
Genere: Noir - Produzione: Gb/Usa - Durata: 106'
Cast: Anne Hathaway, Matthew McConaughey, Diane Lane, Jason Clarke, Djimon Hounsou, Jeremy Strong, Charlotte Butler, David Butler, Rafael Sayegh, Michael Richard
Sceneggiatura: Steven Knight

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy