I migliori anni della nostra vita di Claude Lelouch - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Francesco Foschini dice che Vediamoci chiaro è il film da salvare oggi in TV.
Su Rete4 alle ore 02:15.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«We want our film to be beautiful, not realistic.»

cinerama
9282
servizi
3750
cineteca
3176
opinionisti
2186
locandine
1087
serialminds
999
scanners
512
Recensione pubblicata su FilmTv 38/2019

I migliori anni della nostra vita


Regia di Claude Lelouch

Un uomo e una donna (Jean-Louis Trintignant e Anouk Aimée) 53 anni dopo: l’ex pilota JeanLouis ha problemi di memoria e il figlio chiede ad Anne, l’amore della sua vita, di provare a riaccendergliela. Altro che finale crepuscolare. Lelouch, sardonico e manipolatore come il suo protagonista, costruisce il terzo capitolo della love story sul filo di un’ironica ambiguità: come la rievocazione del passato, anche il nuovo presente della coppia, fuori dalla casa di riposo in cui si trova Jean-Louis, risulta frutto di un viaggio mentale (e, al secondo grado, cinematografico), di una visione-evasione in cui il prosieguo del discorso sentimentale si dichiara, a ogni risveglio, coscientemente irrealizzabile. Così le attualizzazioni più sdolcinate – i siparietti con la polizia (l’infrazione è, naturalmente, l’eccesso di velocità), il selfie, il pellegrinaggio nei luoghi chiave (la camera d’albergo, la spiaggia) - si rivelano altrettante possibilità abortite di un sequel tanto patetico quanto ipotetico, galleggiando, onirico, a un livello puramente immaginario. Jean-Louis e Anne, con un accordo tacito, fidando sulle strategiche amnesie di lui, chiuderanno invece il loro personale ciclo su un loop (il primo incontro destinato a ripetersi), garantendosi un eterno presente. Mentre la folle corsa del loro amore (il regista inserisce quasi integralmente il suo corto del 1976, C’était un rendez-vous, traversata di Parigi a 180 km orari, in un pianosequenza girato dalla parte anteriore di un’auto) troverà uno sviluppo spudoratamente lelouchiano nell’intrecciarsi di un legame tra i rispettivi figli: chabadabada?

I 400 colpi

PMB
4
SE
8
RMO
7
LP
8
GS
7
media
6.8
I migliori anni della nostra vita (2019)
Titolo originale: Les plus belles années d'une vie
Regia: Claude Lelouch
Genere: Sentimentale - Produzione: Francia - Durata: 90'
Cast: Jean-Louis Trintignant, Anouk Aimée, Souad Amidou, Antoine Sire, Monica Bellucci
Sceneggiatura: Claude Lelouch

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Luca Pacilio

Posseduto dalla diabolica Torino, vicedirettore della rivista cinematografica online Gli Spietati, per Film TV cura la sua malattia (la videomusica) e (dunque) la rubrica Videostar, dedicata agli autori e ai protagonisti del video musicale contemporaneo. Amando perdere, e non seguendo il calcio, coltiva le enciclopedie fallimentari di Peter Greenaway.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy