Roger Waters - Us + Them di Sean Evans, Roger Waters - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Batman: Il ritorno è il film da salvare oggi in TV.
Su Italia1 alle ore 15:35.

Al Sudestival, il festival lungo un inverno che si tiene tutti i fine settimana dal 10 gennaio al 13 marzo 2020 a Monopoli (Ba), anche l'omaggio a Dino Risi nell'ambito di un "laboratorio" sulla commedia all'italiana con gli studenti, organizzato in collaborazione con Film Tv, media partner della manifestazione. Come film più rappresentativo, Mauro Gervasini ha scelto Il giovedì , che era anche il preferito dal regista milanese. Riproponiamo la locandina con il commento.

A Ghost Story di David Lowery è in streaming su PrimeVideo

Avete già scoperto le due nuove piattaforme di cui stiamo recensendo serie originali, di recente? Una di queste è StarzPlay, su cui vi suggeriamo di cercare questa commedia.

Il numero 50 di Film Tv è tutto dedicato alle donne, in uno speciale che attraversa ruoli e media diversi. Uno dei nomi femminili fondamentali per il cinema è Chantal Akerman, di cui vi riproponiamo questo inedito.

Anni '80 un po' ovunque, ma quasi sempre da un punto di vista maschile. E le icone femminili? Una riflessione di Marianna Cappi.

La citazione

«Revolution is my boyfriend»

cinerama
9011
servizi
3381
cineteca
2969
opinionisti
2046
locandine
1056
serialminds
883
scanners
500
Recensione pubblicata su FilmTv 40/2019

Roger Waters: Us + Them


Regia di Sean Evans, Roger Waters

Cronaca in sintesi dell’omonimo tour? Non proprio. Film jukebox con pezzi vecchi e nuovi sulla falsariga delle cariatidi del rock in perenne “ultima tournée”? Ma non diciamo stupidaggini. Dopo un esperimento cinematografico simile dedicato a The Wall, Roger Waters, insieme al regista Sean Evans, realizza l’opera definitiva sul senso del suo essere artista. Quella roba lì - il rock: psichedelico, sinfonico, progressive, pop, declinatelo come vi pare - è sempre stata per il bassista-cantante una questione politica. Non solo per i testi, nel corso degli anni sempre più didascalici, ma per le musiche e, appunto, gli show. Se interessa la materia, questo Us + Them è una sintesi superba del “sentire” il palcoscenico, della connessione tra una band (spaziale: lo dico da gilmouriano convinto - difatti ce ne vogliono due di talenti per avvicinarsi a lui - ma i chitarristi Dave Kilminster e Jonathan Wilson sono qualcosa di grandioso; di Wilson guardate su YouTube le US Social Club Session) e un pubblico che è un popolo (il “muro” è crollato da mo’). Il controcanto con la ragazza durante l’esecuzione di Welcome to the Machine è, per chi scrive, uno dei migliori pezzi di cinema dell’anno. Roger Waters è questa cosa qui da Set the Controls for the Heart of the Sun (1968), e lo ha rivendicato anche presentando il film alla 76ª Mostra di Venezia, di fronte alla solita obiezione «tu sei troppo politico». Tra immagini di sfondo su migranti e “maiali” (Trump, May, Johnson...) il cuore di Us + Them sono i brani di Animals, quella “fattoria degli animali” che ancora oggi racconta come siamo diventati, e quale sia la reale posta in gioco.

I 400 colpi

PA
7
MG
8
GAN
6
media
7.0
Roger Waters: Us + Them (2019)
Titolo originale: Roger Waters: Us + Them
Regia: Sean Evans, Roger Waters
Genere: Documentario/Musicale - Produzione: Gb - Durata: 135'

Musiche: Roger Waters
Montaggio: Katharine Mcquerrey
Fotografia: Brett Turnbull

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Mauro Gervasini

Mauro Gervasini è direttore editoriale di Film Tv e di questo sito (filmtv.press) e consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Insegna Linguaggi audiovisivi all'Università dell'Insubria ed è autore della prima monografia italiana dedicata al "polar" ("Cinema poliziesco francese", 2003). Ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare sul cinema francese. John Ford, Anthony Mann, Jean-Pierre Melville, Michael Mann, Julien Duvivier, Michael Cimino e Akira Kurosawa i suoi cineasti preferiti, ma è convinto che il film da rivedere almeno una volta all'anno sia La dolce vita di Federico Fellini.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy