La scomparsa di mia madre di Beniamino Barrese - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Prima di mezzanotte è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 07:55.

Cinque anni fa usciva Interstellar , accompagnato da polemiche relative alla veridicità scientifica e altro ancora. Qui le riflessioni pubblicate all'epoca da Roy Menarini.

Oltre a Nicholas Ray, la 27ª edizione del Torino Film Festival ha reso omaggio a un altro grande del cinema: Nagisa Oshima. Un autore che, ancora oggi, resta impresso nella memoria per il nitore e la fluidità dei suoi meravigliosi movimenti di macchina.

Raging Rose di Julia Kowalski è in streaming su ArteKino

Il 22 novembre arriva in versione doppiata e ne abbiamo approfittato per una panoramica sulle serie "eredi" di Il Trono di Spade , su Film Tv n° 47. Qui vi riproponiamo la recensione pubblicata in occasione della sua prima uscita, in versione originale sottotitolata.

È tempo di spie. Su Film Tv n° 46, in occasione dell'uscita della seconda stagione di Jack Ryan , esploriamo il mondo delle spie e dello spionaggio nelle serie tv. In questa sezione allora torniamo a una delle spie più famose della storia del cinema.

La citazione

«Il cinema è come un uomo a cavallo che arriva in una cittadina del West, e noi non sappiamo niente di lui. (Jean-Claude Carrière)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
8978
servizi
3352
cineteca
2953
opinionisti
2035
locandine
1053
serialminds
876
scanners
499
Recensione pubblicata su FilmTv 41/2019

La scomparsa di mia madre


Regia di Beniamino Barrese

L’esordio nel lungometraggio di Beniamino Barrese ha un profilo high concept: un figlio gira un documentario sulla madre, la top model anticonformista Benedetta Barzini (nata nel 1943), che dice di voler “scomparire” da un mondo dominato dall’immagine che lei disprezza. O meglio, ha deciso di andarsene - su un’isola deserta o in cima a una montagna poco importa - perché non ne ha più per nessuno. In realtà il film è qualcosa di abbastanza diverso, di più complesso e contraddittorio. Lasciamo perdere il fatto che la protagonista è diventata celebre tra foto su “Vogue” e sfilate (che ha fatto fino all’altro ieri). La scomparsa di mia madre è soprattutto lo spaccato di un’ossessione: quella di un figlio filmmaker che gioca con la videocamera fin dall’adolescenza e che, in un mondo privo di padri e di maschi, elegge la madre a suo soggetto preferito. Come tutte le ossessioni, farne partecipe lo spettatore non sempre è agevole. A volte si ha l’impressione di vedere un home movie, di spiare frammenti imbarazzanti di quotidianità carpiti a un soggetto riluttante, che protesta e insulta chi lo riprende (e qui viene in mente il più estremo e repellente di questo genere di film, Helmut Berger, Actor di Andreas Horvath). A volte invece si intuisce un’astuta recita, una classica confusione tra finzione e realtà, come provano le sequenze in cui giovani modelle sono chiamate a ricreare la Benedetta degli anni 60. In entrambi i casi c’è sempre qualcosa di non perfettamente gestito, che rende il discorso un po’ confuso e meno incisivo di quello che vorrebbe essere.

La scomparsa di mia madre (2019)
Titolo originale: -
Regia: Beniamino Barrese
Genere: Documentario - Produzione: Italia - Durata: 94'

Musiche: Aaron Cupples, Miguel Miranda, Jose Miguel Tobar
Fotografia: Beniamino Barrese, Brian Fawcett

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Intervista a Beniamino Barrese» Interviste (n° 41/2019)

Alberto Pezzotta

Alberto Pezzotta si è occupato di cinema italiano (Ridere civilmente. Il cinema di Luigi Zampa; Il western italiano; Regia Damiano Damiani; Mario Bava; la curatela, con Stefania Parigi, di Il lungo respiro di Brunello Rondi), di storia della critica (La critica cinematografica; la curatela, con Anna Gilardelli, di Alberto Moravia, Cinema italiano. Recensioni e interventi 1933-1990), di cinema orientale (Tutto il cinema di Hong Kong). Ha collaborato alla Storia del cinema mondiale di Gian Piero Brunetta e alla Storia del cinema italiano del CSC, oltre che a riviste come “Bianco e Nero”, "Imago", “8 1/2”. Scrive di cinema e musica su "Blow Up". Ha tradotto libri, tra gli altri, di Chinua Achebe, Eric Bogosian, Harry Crews, James Dickey, Barry Gifford, Jim Harrison, Hanif Kureishi, Lorrie Moore, Joyce Carol Oates, Hugues Pagan, Derek Raymond, Colm Tóibín.
Twitter: @APezzotta.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy