Weathering With You di Makoto Shinkai - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Hollywood Ending è il film da salvare oggi in TV.
Su Premium Cinema 2 alle ore 21:15.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
9277
servizi
3734
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511
Recensione pubblicata su FilmTv 42/2019

Weathering With You


Regia di Makoto Shinkai

Makoto Shinkai è uno di quei registi che “fanno sempre lo stesso film”. Per lui, fare cinema significa parlare d’amore, credere nell’amore in quanto forza motrice universale, di portata epica e gittata siderale, che tutto vince e che, indubbiamente, «move il sole e l’altre stelle». Di più: in Weathering With You il sole lo accende, nel cielo di una Tokyo dove potrebbe «piovere per sempre», una fanciulla capace di evocare il bel tempo, ma a caro prezzo. In termini di concept e struttura, Weathering è certamente debitore di Your Name. - pur nell’irriproducibilità del meccanismo narrativo a orologeria e dell’appeal trasversale del secondo anime più fruttifero della Storia - e, nel terzo atto, anche del fantasmagorico I bambini che rincorrono le stelle, il capolavoro di Shinkai. Tuttavia, questo fanta-mélo catastrofico è notevolmente più cupo, ad angustiare i protagonisti non sono l’oppressione della piccola/grande città e le aspettative per il futuro o l’ombra delle tragedie del passato ma la solitudine del presente, tra disoccupazione, ansia sociale e, appunto, cambiamento climatico. Ma l’aspetto meteoro-ecologico è tutto in funzione dell’espressione spettacolare del realismo magico shinkaiano, in un’animazione quanto mai mozzafiato, e i riverberi politici da instant cartoon ambientalista cedono il passo alle turbolenze emotive. Eppure è proprio questo gigantismo dei sentimenti adolescenziali a far sì che infine si stagli, ancor più struggentemente, il dolore di una generazione che sacrifica la propria giovinezza addossandosi sulle spalle la responsabilità e l’ardua possibilità di salvezza di un mondo alla deriva.

I 400 colpi

FDM
7
Weathering With You (2019)
Titolo originale: Tenki no ko
Regia: Makoto Shinkai
Genere: Animazione - Produzione: Giappone - Durata: 112'

Sceneggiatura: Makoto Shinkai
Musiche: Radwimps
Montaggio: Makoto Shinkai

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Fiaba Di Martino

Fiaba riceve in fasce un nome lezioso che le profetizza l'amore per le storie, nel cinema, sul cinema e del cinema: a dieci anni vota i film disegnando a matita i pollici di Film Tv accanto ai biglietti della multisala più bella di sempre, l'Arcadia; di lì a poco si innamora delle finestre di Hitchcock, degli occhi di Jean Gabin e dell'aplomb di Lauren Bacall, e lo urla al mondo prima dal giornalino scolastico del classico poi dai siti web (MyMovies, Players, PositifCinema, BestMovie.it), mentre frequenta corsi di scrittura alla Scuola Civica di Cinema milanese e scrive un libro su Xavier Dolan con la collega positivista Laura Delle Vedove. Lost in translation nello stereo totale, ritrova se stessa nella pioggia di Madison County, nelle lettere di Gramsci, nelle ferite di David Grossman, nelle urla liberatorie di Sion Sono, nelle risate di Shosanna Dreyfus, nei silenzi di Antonioni, nelle parole di Frances Ha («non sono ancora una vera persona») e nello spazio tra i titoli di testa e quelli di coda.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy