Tutto il mio folle amore di Gabriele Salvatores - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Emanuele Sacchi dice che Anything Else è il film da salvare oggi in TV.
Su Rete4 alle ore 03:15.

Scrooge, un anziano taccagno, viene visitato dai tre fantasmi del Natale: presente, passato e futuro. Gli spiriti devono fagli capire quali siano le conseguenze della sua avarizia e quanto contino la gentilezza e il cuore nel rapporto con gli altri. Zemeckis, dopo Polar Express e La leggenda di Beowulf , sposa ancora una volta la storia classica all’approccio ultramoderno (motion capture).

Il numero 50 di Film Tv è tutto dedicato alle donne, in uno speciale che attraversa ruoli e media diversi. Uno dei nomi femminili fondamentali per il cinema è Chantal Akerman, di cui vi riproponiamo questo inedito.

Anni '80 un po' ovunque, ma quasi sempre da un punto di vista maschile. E le icone femminili? Una riflessione di Marianna Cappi.

The Guardian ha pubblicato alcune immagini del backstage di Il cacciatore , tratte dall'archivio personale di Robert De Niro e destinate a un libro di prossima pubblicazione. Vi riproponiamo la locandina di questo film cult, pubblicata nel 2009.

Dal primo dicembre è disponibile su Netflix la quinta stagione di questa serie. Se non la conoscete o se volete saperne di più, qui trovate la recensione delle prime due stagioni.

La citazione

«All work and no play makes Jack a dull boy»

cinerama
9011
servizi
3381
cineteca
2969
opinionisti
2046
locandine
1056
serialminds
883
scanners
500
Recensione pubblicata su FilmTv 43/2019

Tutto il mio folle amore


Regia di Gabriele Salvatores

Il “Modugno della Dalmazia”, il selvaggio avventuriero Claudio Santamaria, idolo delle balere slave, sa comunicare al volo con Vincent, il figlio autistico (abbandonato appena nato), anche solo con un movimento gaudente del baffo, quando per caso se lo ritrova sedicenne nascosto nell’auto. “Melodico”, infatti, soprattutto nell’interpretazione dionisiaca di Santamaria, non è in contraddizione con “extraterrestre”, “stralunato”, “clownesco”, inorridito dall’afasia di un mondo adulto che logora vita e parole (Abatantuono e Golino però sono maestri nel dare al grigio le sue oltre 50 sfumature). Come un sassofonista jazz che, a fine nottata, rivitalizza gli standard romantici, depurati da ogni sdolcinatezza, frase fatta e minestra riscaldata, perché su questo terreno la musica radicale sperimenta sapienza, maneggia archivi ritmico-armonici più vasti e spirituali, così Salvatores, nel suo film più libero e punk, si sbarazza di ogni cacofonia visuale ed emotiva. Un regista che ha fatto del road movie un’ossessione mobile e politica, disegnando tragitti di libertà asincronici rispetto ai tempi ingiusti che, a fatica, attraversiamo, torna un teenager rocker e ritrova sapori e odori di un set anni 70. Quando è il paesaggio, l’orizzonte, lo spazio che ti cammina addosso il protagonista del film, e non i motociclisti «perversi a occhi chiusi» che l’attraversano con avidità da marines, ecco che quegli esterni “diventano” Gianna Nannini oppure, oggi, Giulio Pranno, ovvero Vincent, il suo alter ego nomade, incantevole, imprevedibile, segreto, adolescente…

I 400 colpi

PA
6
MC
7
FDM
5
SE
7
IF
6
MG
6
RM
4
FM
4
EMO
2
GAN
2
LP
5
RS
8
media
5.2
Tutto il mio folle amore (2019)
Titolo originale: -
Regia: Gabriele Salvatores
Genere: Commedia drammatica - Produzione: Italia - Durata: 97'
Cast: Claudio Santamaria, Giulio Pranno, Valeria Golino, Diego Abatantuono, Daniel Vivian
Sceneggiatura: Gabriele Salvatores, Umberto Contarello, Sara Mosetti

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Tutto il mio folle amore» Cinerama (n° 43/2019)
Educazione balcanica - Intervista a...» Interviste (n° 43/2019)

Roberto Silvestri

Al cinema sono transgender (da Lloyd Kaufman a Straub-Huillet passando per Claudia Weil e Jerry Lewis). Primo film visto Scaramouche, primo film perso I cavalieri della tavola rotonda. Tessera Filmstudio dal 1968. Cofondatore del Politecnico cinema nel 1974.  Critico del manifesto dal 1977 al 2012. Nato a Lecce. Studi con Garroni, Brandi, Abruzzese. Registi preferiti Bunuel e Rocha (sia Paulo che Glauber), Aldrich e Siegel. De Antonio e Grifi. Diop Mambety e Ghatak. Dorothy Arzner e Stephanie Rothman (nata a Paterson come Lou Costello), Fassbinder e Aki Kaurismaki, Russ Meyer e… Rivista di cinema preferita Velvet Light Trap/Camera Obscura. E oggi Trafic. Consigli ai giovani appassionati di cinema? Partire dai formalisti russi.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy