Wounds di Babak Anvari - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
vimeo.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Sensi è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai3 alle ore 03:45.

Il petroliere di Paul Thomas Anderson è in streaming su Netflix

Anni '80 un po' ovunque, ma quasi sempre da un punto di vista maschile. E le icone femminili? Una riflessione di Marianna Cappi.

The Guardian ha pubblicato alcune immagini del backstage di Il cacciatore , tratte dall'archivio personale di Robert De Niro e destinate a un libro di prossima pubblicazione. Vi riproponiamo la locandina di questo film cult, pubblicata nel 2009.

Dal primo dicembre è disponibile su Netflix la quinta stagione di questa serie. Se non la conoscete o se volete saperne di più, qui trovate la recensione delle prime due stagioni.

Il 28 novembre arriva in sala Un giorno di pioggia a New York , l'ultimo film di Woody Allen, a cui dedichiamo uno speciale su FilmTv n° 48. Ne è coprotagonista Elle Fanning, che ha interpretato anche questo film di Sally Potter, inedito in Italia, di cui vi riproponiamo la recensione.

La citazione

«Lui adesso vive ad Atlantide / con un cappello pieno di ricordi / ha la faccia di uno che ha capito / e anche un principio di tristezza in fondo all'anima / nasconde sotto il letto barattoli di birra disperata / e a volte ritiene di essere un eroe. (Francesco De Gregori - Atlantide)»

scelta da
Matteo Bailo

cinerama
9006
servizi
3368
cineteca
2964
opinionisti
2042
locandine
1055
serialminds
881
scanners
500
Recensione pubblicata su FilmTv 43/2019

Wounds


Regia di Babak Anvari

Di Babak Anvari faceva ben sperare il precedente Under the Shadow, e di Nathan Ballingrud (autore del romanzo The Visible Filth, da cui Wounds è tratto) un certo mestiere da cantastorie neogotico. Il sodalizio tra i due ora si estende alla tv, con l’adattamento in serie di North American Lake Monsters, e forse il modello racconto-puntata si rivelerà più efficace. Perché Wounds (non una cosa “da Netflix”, ma una produzione Annapurna: la piattaforma distribuisce soltanto, dopo il passaggio alla Quinzaine di Cannes 2019) è proprio fragile sotto le apparenze, come il suo protagonista. Barista piacione con fidanzata studiosa ed ex arrapante trova un cellulare abbandonato, in grado di scatenare orrore. Soprattutto esistenziale: dalle ferite della pelle non escono solo scarafaggi, ma si vede la sporcizia. E allora giù con la destrutturazione degli archetipi di potere maschili (dal playboy protagonista fino ai poliziotti inetti o al veterano schizzato), così marci da contaminare anche le donne. Ma per mostrare quello che c’è sotto, la regia scivola sulla superficie degli stereotipi più basici del genere: musica sparata, “spaventoni”, camera che si muove come lo sguardo spaurito negli interni e fuori dalle finestre. In sovrana indifferenza alle regole non solo della verosimiglianza (il tira e molla sulla consegna del cellulare alla polizia) ma perfino della coerenza: la discesa all’inferno del protagonista rimbalza tra un comprimario e l’altro, che funzionano solo da inneschi dell’azione, senza mai giustificarsi. Difficile riflettere sulle relazioni tra esseri umani, se non c’è nemmeno una relazione tra personaggi vagamente credibile.

Wounds (2019)
Titolo originale: Wounds
Regia: Babak Anvari
Genere: Drammatico - Produzione: Gb - Durata: 94'
Cast: Armie Hammer, Dakota Johnson, Zazie Beetz, Brad William Henke, Kerry Cahill, Karl Glusman, Kenneth Kynt Bryan, Jim Klock, Ritchie Montgomery
Sceneggiatura: Babak Anvari

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Wounds» streaming (n° 44/2019)

Andrea Bellavita

francophile, franc bourgeois e francamente non serio (e me ne infischio), dopo una (tarda) giovinezza dedicata allo studio più alto e rigoroso, mi converto in maturità al pop più sfrenato, oscenamente pop, porno pop. ne scrivo (a tratti) su FilmTv, Segnocinema, Doppiozero, L’Officiel. lo insegno all’università. principalmente lo guardo (cinema e tv), lo leggo (comics, ma non graphic novel), lo ascolto. non lo gioco: non ho tempo.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy