La belle époque di Nicolas Bedos - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Lo scapolo è il film da salvare oggi in TV.
Su Rete4 alle ore 04:45.

Nello stesso giorno, il 12 aprile, partono negli Usa la terza stagione di Killing Eve e la prima della nuova serie in cui è coinvolta Phoebe Waller-Bridge: Run . Quando arriveranno da noi? Nell'attesa, riproponiamo la recensione della seconda stagione della serie incentrata sul rapporto di odio-amore tra Villanelle e Eve Polastri.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

Un ricordo di Emir Kusturica e di un equivoco lungo un festival e oltre.

La citazione

«Scrivere è anche non parlare (Marguerite Duras)»

scelta da
Marianna Cappi

cinerama
9170
servizi
3566
cineteca
3066
opinionisti
2121
locandine
1073
serialminds
927
scanners
505
Recensione pubblicata su FilmTv 45/2019

La belle époque


Regia di Nicolas Bedos

L’idea è fulminante e forse ammicca a Michael Crichton: un’impresa, ricorrendo ad artifici teatrali, propone al cliente di tornare in un’epoca a sua scelta. Victor sceglie di rivivere quella dell’incontro col suo grande amore (la moglie), preferendo rifugiarsi in una falsa replica del passato piuttosto che affrontare il vero presente, quello di una crisi coniugale. Ma il gioco della rievocazione del ricordo diventa pericoloso: è vero che tutto accade su un set, ma le emozioni possono essere autentiche (e un’orgia finta proseguire dopo lo stop). E poi la messa in scena si è trasformata nello specchio in cui si riflette anche il travagliato rapporto tra il regista che la dirige e l’attrice che incarna la moglie di Jacques, il campo di una mediata schermaglia di un’altra coppia in crisi. Così la rappresentazione - in cui il copione è diventato pura ipotesi - si fa ambiguo caleidoscopio e il senso della recita multiplo. Tanto che anche un supposto sconfinamento nella realtà si dimostra solo l’ennesimo corollario della figurazione comandata dal regista-demiurgo (The Truman Show?). In La belle époque (leggi: il passato idealizzato) Charlie Kaufman fa l’occhiolino a Claude Lelouch: se il film vanta un impianto di raffinata intelligenza, conserva sempre il suo respiro popolare; se istiga intriganti letture metacinematografiche, non fa mai passare in secondo piano la vena sentimentale. E, come il sottovalutato debutto di Nicolas Bedos (l’autofiction immaginaria Un amore sopra le righe), è un’opera seconda girata divinamente, baciata dallo humour e sorretta da attori in stato di grazia.

I 400 colpi

PA
7
SE
4
IF
5
EM
8
FM
6
RMO
7
LP
8
GS
5
media
6.3
La belle époque (2019)
Titolo originale: La belle époque
Regia: Nicolas Bedos
Genere: Commedia - Produzione: Francia - Durata: 115'
Cast: Daniel Auteuil, Guillaume Canet, Doria Tillier, Fanny Ardant, Pierre Arditi, Denis
Sceneggiatura: Nicolas Bedos

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Articoli consigliati


Intervista a Nicolas Bedos» Interviste (n° 45/2019)

Luca Pacilio

Posseduto dalla diabolica Torino, vicedirettore della rivista cinematografica online Gli Spietati, per Film TV cura la sua malattia (la videomusica) e (dunque) la rubrica Videostar, dedicata agli autori e ai protagonisti del video musicale contemporaneo. Amando perdere, e non seguendo il calcio, coltiva le enciclopedie fallimentari di Peter Greenaway.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy