Il Paradiso probabilmente di Elia Suleiman - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Hollywood Ending è il film da salvare oggi in TV.
Su Premium Cinema 2 alle ore 21:15.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Ognuno prende i limiti del suo campo visivo per i confini del mondo. (Arthur Schopenhauer)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
9277
servizi
3734
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511
Recensione pubblicata su FilmTv 49/2019

Il Paradiso probabilmente


Regia di Elia Suleiman

L’andamento è circolare. Comincia e finisce (con una parodia danzante di Kechiche) nella nativa Nazareth, dopo aver fatto il giro del mondo. Nella casa di Elia Suleiman, 59 anni, al quarto lungo, fa capolino l’inquietudine. E il dolore per la perdita della “madre” (quella carrozzella ormai vuota era ancora “viva” in Il tempo che ci rimane, del 2009), della fede religiosa (il rito pasquale ortodosso sabotato) e della “madre patria”. La “disfatta”, la nakba, è presentata in sineddoche, perché il pubblico indovini il tutto di cui non si dà che una parte. «Un grande pianista» diceva Bresson «non applica l’emozione sui tasti. L’aspetta». Il vicino di casa, prepotente ma dal pollice verde, che gli entra in giardino e fa fiorire tutto, chi vi ricorda? L’israeliano, forse, che si insinua con la forza e la scienza dove non dovrebbe? E quei bruti a caccia perenne di nemici da bastonare? Forse Hamas? E l’amico in preda alla follia? «Voi palestinesi siete gli unici che bevono per ricordare, invece che per dimenticare», si dice. Suleiman lavora in sottrazione, in economia. Pochi movimenti di macchina. Le icone del cinema di poesia, ridotte perché non ama separare gli occhi dal corpo, e il direttore tunisino della fotografia Sofian El Fani (collaboratore di Kechiche e Sissako) utilizza pochi obiettivi, per non sembrare sempre pronto a cambiare occhiali. Poi ci si trasferisce a Parigi e a New York, dove Suleiman ha studiato cinema e ha trovato finora sponde produttive amiche. Ed ecco - in una capitale francese svuotata dalla festa del 14 luglio, a parte carri armati, poliziotti e modelle che diventano l’ossessione sessuale dell’arabo frustrato - il boss di Wild Bunch, Vincent Maraval, far la satira dei colleghi “orientalisti” che rifiutano di finanziare il film di Suleiman (quello che vediamo, e che in realtà ha coprodotto) perché solo i francesi «sanno come si fa un film davvero palestinese». A New York, dove tutti girano armati, e in dogana vien voglia di imitare più Jerry Lewis che Jacques Tati, il tassista nero e islamico Kwasi Songui sgrana gli occhi perché non ha mai visto un palestinese in carne e ossa e lo pregusta secondo lo stereotipo dei media, rovesciato nell’adorazione del combattente irriducibile. Mentre Gael García Bernal porta Suleiman da un altro produttore, il tipo “marines”, che per un kolossal sui conquistadores spagnoli non ha dubbi e farà parlare tutti in anglo-americano. Premiato a Cannes 2019 con la Menzione speciale e il FIPRESCI, Il paradiso probabilmente rovescia nel titolo italiano, ma non nella sostanza, l’assunto bressoniano. Il diavolo probabilmente è «il padrone di questo mondo», se diamo retta a San Paolo. “Diabolocentrica”, per un artista palestinese (di famiglia cristiana ortodossa) come Suleiman, è questa realtà da combattere e smontare poeticamente, visto che gli si nega perfino l’identità di esule, non avendo neppure patria da cui distaccarsi. L’Academy nel 2002 respinse la candidatura agli Oscar di Intervento divino perché «la Palestina non è uno stato sovrano». Forse anche questa volta Suleiman sbatterà contro un Muro. Reagendo muto e senza un sorriso, come Buster Keaton.  

I 400 colpi

AA
6
PA
8
PMB
5
MC
10
SE
9
IF
8
MG
5
RM
7
MM
8
FM
7
RMO
7
GAN
9
LP
7
GS
10
RS
10
media
7.7
Il Paradiso probabilmente (2019)
Titolo originale: It Must Be Heaven
Regia: Elia Suleiman
Genere: Comico - Produzione: Francia/Qatar/ Germania/Canada/Turchia/Palestina - Durata: 97'
Cast: Elia Suleiman, Gael García Bernal, Vincent Maraval, Ali Suliman, Gregoire Colin, Holden Wong, Robert Higden, Sebastien Beaulac, François Girard
Sceneggiatura: Elia Suleiman

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati


It Must Be Heaven» Cinerama (n° C0/2019)
Lontano dal paradiso - Intervista a...» Interviste (n° 49/2019)

Roberto Silvestri

Al cinema sono transgender (da Lloyd Kaufman a Straub-Huillet passando per Claudia Weil e Jerry Lewis). Primo film visto Scaramouche, primo film perso I cavalieri della tavola rotonda. Tessera Filmstudio dal 1968. Cofondatore del Politecnico cinema nel 1974.  Critico del manifesto dal 1977 al 2012. Nato a Lecce. Studi con Garroni, Brandi, Abruzzese. Registi preferiti Bunuel e Rocha (sia Paulo che Glauber), Aldrich e Siegel. De Antonio e Grifi. Diop Mambety e Ghatak. Dorothy Arzner e Stephanie Rothman (nata a Paterson come Lou Costello), Fassbinder e Aki Kaurismaki, Russ Meyer e… Rivista di cinema preferita Velvet Light Trap/Camera Obscura. E oggi Trafic. Consigli ai giovani appassionati di cinema? Partire dai formalisti russi.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy