Judy di Rupert Goold - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Stregata dalla luna è il film da salvare oggi in TV.
Su Sky Romance alle ore 21:00.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«sarà mica la maniera di lavorare… non si lavora così dai… ogni lavoro anche il più banale necessita di un minimo di regia»

scelta da
Andrea Bellavita

cinerama
9277
servizi
3733
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511
Recensione pubblicata su FilmTv 04/2020

Judy


Regia di Rupert Goold

È morta una stella. Intorno alla disgregazione del mito, alle vestigia del divo e dello star system, Goold costruisce il suo biopic sontuoso, calibrato, corretto. Ma nonostante le lettere glitterate che compongono il titolo dopo un prologo struggente, quello di Judy Garland non è mai stato un mito glamour: Judy cantava dell’America delle fiere e delle fattorie - che favola Oz/Hollywood, ma nessun posto è come casa - con la voce sempre più ovattata dalla dieta di sigarette e barbiturici. Renée Zellweger, i connotati sfigurati da un documentatissimo prima & dopo la chirurgia plastica, è perfetta per interpretarla: non perché di Garland sia riproduzione mimetica, ma perché ne fa rivivere, forse suo malgrado, l’incarnazione più crepuscolare e angosciosa. Esagera con tic e faccette, gigioneggia e calca la mano sulla maschera della nevrotica, guastando persino il pathos del finale, in cui la commozione dell’addio alle scene si tramuta in poco più dell’ennesima scena isterica (tanto per dire: solo pochi mesi prima, in Fosse/Verdon, Michelle Williams aveva saputo infondere nella sua Gwen Verdon tanta più umanità e carattere). Ma Zellweger - lo sciacallaggio su ogni indizio di botox, lo sforzo sovrumano di costruirsi una vita al di là di Bridget Jones, sfuggendo al typecasting e alla reificazione del suo volto in tipo - è la prova provata che il corpo dell’attore è un campo di battaglia. Per sentire la prima nota si aspetta metà film, per Over the Rainbow la fine: è il risarcimento post mortem a una bimba prodigio vessata dalla fama. Almeno per questa volta il cinema viene dopo, prima di tutto c’è Judy.

I 400 colpi

PA
6
AC
5
FDM
6
SE
3
MG
5
RM
5
EM
6
FM
2
RMO
7
LP
7
ES
7
RS
6
media
5.4
Judy (2019)
Titolo originale: Judy
Regia: Rupert Goold
Genere: Biografico - Produzione: Gb - Durata: 118'
Cast: Renée Zellweger, Jessie Buckley, Finn Wittrock, Rufus Sewell, Michael Gambon, Richard Cordery, Royce Pierreson, Darci Shaw, Andy Nyman, Daniel Cerqueira
Sceneggiatura: Tom Edge, Peter Quilter

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy