Il lago delle oche selvatiche di Diao Yinan - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Francesco Foschini dice che Non si sevizia un paperino è il film da salvare oggi in TV.
Su Italia1 alle ore 02:45.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Alice Harford: I do love you and you know there is something very important we need to do as soon as possible. - Dr. Bill Harford: What's that? - Alice Harford: Fuck.»

scelta da
Fabrizio Tassi

cinerama
9311
servizi
3784
cineteca
3196
opinionisti
2198
locandine
1090
serialminds
1009
scanners
513
Recensione pubblicata su FilmTv 06/2020

Il lago delle oche selvatiche


Regia di Diao Yinan

La fredda inquadratura della notte nell’immenso sobborgo cinese. Macerie, detriti, mura scorticate dal tempo, trattorie polverose, pavimenti lividi, zoom nella scodella di spaghetti dove galleggia qualcosa... Diao Yinan arriva in soccorso del paesaggio ripugnante e lo incornicia di luci fosforescenti, disegna con precisione ogni angolo dell’inquadratura che si apre a spazi sorprendenti, ogni frammento di immagine sublima il materiale di scarto, miseria e violenza. Un esercizio pittorico, quadri di un Edward Hopper della Sesta generazione di Xi’an, dov’è nato il cinquantenne Diao, stessa origine di Zhang Yimou, compagno di studi di Chen Kaige. Il film, dal titolo italiano e internazionale più adatto a un documentario sui pennuti che a un noir (in originale, Incontro alla stazione sud), era in concorso a Cannes 2019, molto atteso nel ricordo dell’Orso d’oro 2014 Fuochi d’artificio in pieno giorno, ed è il quarto lungo del regista, attore e sceneggiatore. Suo anche il soggetto di questo cupo film di genere e d’autore, che include la vista sulla Cina ai margini; niente grattacieli sfavillanti per le strade di Pechino, ma un ghetto di ladri di motociclette, una gang di ragazzi addestrati al furto, un po’ come i borseggiatori di Oliver Twist istruiti dal vecchio Fagin. Paragonato al cineasta “neorealista” Jia Zhangke, coetaneo, poeta di un Paese che sacrifica il passato e la storia per edificare la modernità, Diao non sembra amare la periferia e i suoi abitanti crudeli e traditori, pronti a vendersi uno con l’altro alla polizia. Il sofisticato ritratto cinese si apre al fantastico e all’allegorico, tigri e sguardi selvaggi - forme della ferocia umana - si intromettono nei fotogrammi all’inseguimento di Zhou Zenong (interpretato dall’attore e cantante, star della tv, Hu Ge), bello e dannato, antieroe romantico, deciso a farsi consegnare alle autorità per donare la taglia a moglie e figlioletto, abbandonati cinque anni prima. È stato ucciso un poliziotto durante una rissa tra bande e Zenong è preso di mira, inseguito dal gruppo rivale e dagli agenti. Il tempo si dilata nelle ombre proiettate sui muri come sagome viventi. Un balletto di scarpe dalle suole luminescenti inebria la scena notturna. La moglie sotto sorveglianza invita a un mercatino delle pulci labirintico. E poi c’è lei, Liu, la prostituta, la “bagnante” del lago (senza oche), che ama non riamata il fuggitivo, non certo una copia di Humphrey Bogart né di Robert Mitchum. Zenong è un perdente, un cane da bastonare, accoltellare, eliminare... forse perché, individualista, si è sottratto alla comunità civile e incivile. È solo nell’oscurità, pentito, martire. L’unico suo desiderio è risarcire la famiglia perduta. Ma, ribaltamento del noir anni 40, citato in una scena di specchi e pistole da La signora di Shangai, la “femme fatale” non perderà vita e bottino. Nel suo manierismo di alta scuola, Diao Yinan fa uscire la Cina dal buio della perdizione con un radioso pianosequenza, en plein air, finalmente la luce inonda i volti delle innocenti vendicatrici. Ed è una luce più infernale e lugubre di quella dei bassifondi, il lampo di un sorriso complice tra le due donne che gela il sangue.

I 400 colpi

PMB
8
MC
7
SE
6
IF
7
AF
9
MG
8
RM
6
RMO
8
EMO
8
GAN
8
LP
7
ES
7
GS
6
FT
6
media
7.2
Il lago delle oche selvatiche (2019)
Titolo originale: Nan Fang Che Zhan De Ju Hui
Regia: Diao Yinan
Genere: Noir - Produzione: Cina/Francia - Durata: 113'
Cast: Hu Ge, Gwei Lun-mei, Liao Fan, Wan Qian, Qi Dao, Huang Jue
Sceneggiatura: Diao Yinan

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati


The Wild Goose Lake» Cinerama (n° C0/2019)

Mariuccia Ciotta

Mariuccia Ciotta, giornalista e critico cinematografico, autrice di programmi radio-televisivi, ha scritto saggi e libri su autori e generi. Tra le sue pubblicazioni: Walt Disney – Prima stella a sinistra (Bompiani), Da Hollywood a Cartoonia (manifestolibri), Un marziano in tv (Rai/Eri), Rockpolitik (Bompiani), il Ciotta-Silvestri - Cinema (Einaudi), Il film del secolo (Bompiani). Ha diretto il quotidiano il manifesto.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy