Criminali come noi di Sebastián Borensztein - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Matteo Marelli dice che Below Sea Level è il film da salvare oggi in TV.
Su Rai3 alle ore 02:50.

Il 3 aprile arriva su Netflix la quarta stagione della serie spagnola di successo. Dove eravamo rimasti?

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

Un ricordo di Emir Kusturica e di un equivoco lungo un festival e oltre.

La citazione

«Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico durante il week end! (Woody Allen)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
9157
servizi
3539
cineteca
3050
opinionisti
2111
locandine
1071
serialminds
918
scanners
504
Recensione pubblicata su FilmTv 07/2020

Criminali come noi


Regia di Sebastián Borensztein

La parola spagnola corralito pare innocua e simpatica come un vezzeggiativo, ma c’è il trucco. È il termine tecnico con il quale nel 2001 il governo argentino di Fernando de la Rúa, per scongiurare un effetto micidiale della crisi economica, permise di ritirare dai conti correnti al massimo 250 pesos alla settimana. Meno di 5 dollari Usa. L’ex calciatore Fermín Perlassi e il suo gruppo di amici e parenti (la moglie, il figlio) in banca hanno 150 mila dollari e rotti, risparmi raccolti per creare una cooperativa sociale, che il vecchio socio anarchico definisce «una torta al cioccolato dove tutti hanno una fetta». Il blocco della somma, e una truffa del direttore della banca, mandano al diavolo i piani; la tragedia entra a gamba tesa, la faccenda sembra chiusa nel peggiore dei modi. Ma una coincidenza riapre i giochi, il gruppo di superstiti si organizza e decide di lottare fino alla fine, fino alla rapina, per avere giustizia. Commedia umanista politicamente meno innocua delle apparenze. La crisi argentina dell’epoca evidenziò il marciume su cui si fonda il neoliberismo: il pueblo fu chiamato alla resilienza, spesso sinonimo di arrendevolezza e remissività, altroché. Nell’immediatezza della truffa, del furto istituzionale, il conflitto sembra non a caso del tutto assente dall’orizzonte degli eventi. E ancora guarda caso sono i due anziani della banda, l’anarchico e il peronista della prima ora, a lanciare l’idea del piano. Il regista Sebastián Borensztein non è Mario Monicelli, al quale però Criminali come noi sarebbe piaciuto. Di Ricardo Darín, il protagonista, si può dire solo benissimo, ma il cast merita tutto.

I 400 colpi

MG
7
Criminali come noi (2019)
Titolo originale: La odisea de los giles
Regia: Sebastián Borensztein
Genere: Commedia - Produzione: Argentina/Spagna - Durata: 116'
Cast: Ricardo Darín, Chino Darín, Luis Brandoni, Daniel Aráoz, Verónica Llinás, Carlos Belloso, Rita Cortese, Marco Antonio Caponi, Alejandro Gigena, Guillermo Jacubowicz
Sceneggiatura: Sebastián Borensztein, Eduardo Sacheri

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

Aggiungi questo contenuto
ai tuoi articoli salvati.

Aggiungi questo film
a quelli che vuoi vedere.

Manda il testo di questo
articolo a un amico.


Mauro Gervasini

Firma storica di Film Tv, che ha diretto dal 2013 al 2017, è consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia e insegna Forme e linguaggi del cinema di genere all'Università degli studi dell'Insubria. Autore di Cuore e acciaio - Le arti marziali al cinema (2019) e della prima monografia italiana dedicata al polar (Cinema poliziesco francese, 2003), ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare su cinema francese e di genere.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti
Privacy Policy