Gli anni amari di Andrea Adriatico - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Stregata dalla luna è il film da salvare oggi in TV.
Su Sky Romance alle ore 21:00.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Solo chi lascia il labirinto può essere felice, ma solo chi è felice può uscirne (Michael Ende - Lo specchio nello specchio)»

cinerama
9277
servizi
3733
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511
Recensione pubblicata su FilmTv 10/2020

Gli anni amari


Regia di Andrea Adriatico

Si chiamava Mario. O, se preferite, Maria. Fu un pensatore estremo e fortemente provocatorio (per rendersene conto basterebbe sfogliare le pagine della sua tesi di laurea, da poco ristampata dopo un lungo oblio editoriale, nella quale elabora la teoria della transessualità universale, o provare a recuperare qualcuno dei suoi numerosissimi interventi su dimenticati quanto vitalissimi fogli di stampa, dai titoli memorabili: “Il vespasiano degli omosessuali”, o “Dalle cantine frocie”), sempre pronto a gettare il proprio corpo nella lotta (acconciato come una «checca evidente» a dialogare con gli operai su costumi e repressione sessuale, o vestito da pastorella, come al raduno bolognese contro la repressione del 1977, quando ridicolizzò, scippandogli il microfono, il paternalistico Dario Fo). In un momento storico, come quello che stiamo vivendo, nel quale i gender studies vivono finalmente una legittimazione accademica, dimenticare una figura come quella di Mieli, trattandola al pari di un parente scomodo al quale è meglio non dare voce, sarebbe sconsiderato. Per fortuna ci pensa Andrea Adriatico che con Gli anni amari accompagna lo spettatore in un percorso (che è anche l’attraversamento di un’epoca: dai primi anni 70 al 1983) di comprensione e compassione, che si adatta ai modi previsti dal format del biopic senza per questo fare del protagonista un santino da fiction tv. Il merito di questa operazione è quello di riuscire, adottando un’estetica “domestica”, a restituire senza “aggredire” la portata rivoluzionaria di questo esploratore dell’inesplorato, inesausto combattente del “gaio comunismo”.

I 400 colpi

PA
7
PMB
6
RM
5
MM
7
RMO
7
LP
6
media
6.3
Gli anni amari (2020)
Titolo originale: -
Regia: Andrea Adriatico
Genere: Biografico - Produzione: Italia - Durata: 112'
Cast: Nicola Di Benedetto, Sandra Ceccarelli, Antonio Catania, Tobia De Angelis, Lorenzo Balducci, Matteo Andrea Barbaria, Adriana Barbieri, Patrizia Bernardi, Giuseppe Brunetti, Elles Case, Giovanni Cordì, Rossella Dassu
Sceneggiatura: Grazia Verasani, Stefano Casi, Andrea Adriatico

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati



Matteo Marelli

Nota biografica in forma di plagio (Io copio talmente tanto che neppure più me ne accorgo):
pensierino della sera:
«Il critico non fa il cinema, ci va. La sua grandezza – non il suo limite – è questa: teniamocela stretta»
buon proposito del mattino:
«Il critico se vuole uscire dalla marginalità deve inventarsi nuovi modi di scrivere, parlare, far passare il cinema, il pensiero che il cinema mette ancora in forma»

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy