Un figlio di nome Erasmus di Alberto Ferrari - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Francesco Foschini dice che Jane Eyre è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 17:00.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«E questo è quanto (Casinò - Martin Scorsese)»

cinerama
9277
servizi
3734
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511
Recensione pubblicata su FilmTv 15/2020

Un figlio di nome Erasmus


Regia di Alberto Ferrari

Ci sono formule che funzionano sempre: come quella dei tre (o quattro) uomini on the road con una gamba, o meglio ancora un paio di belle gambe, attaccate a un’avvenente fanciulla. O come quella della paternità misteriosa, con due (tre, quattro) contendenti al titolo di babbo per un figlio già adulto, la cui mamma mia ha amato più uomini nello stesso lasso di tempo. Un figlio di nome Erasmus, per non rischiare, le gioca entrambe, mettendo quattro amici (Luca & Paolo, Ricky Memphis, Daniele Liotti), vent’anni prima in Erasmus a Lisbona, sulle tracce di un erede dato in adozione, con l’aiuto di una ragazza portoghese a sua volta in dolce attesa: un viaggio, un poco cartolinesco nelle location, che fa naturalmente da leva per sollevare le crisi esistenziali di ciascuno, dal prelato insofferente al Vaticano al produttore musicale schiavo dei trapper, dal promesso sposo che riscopre una vecchia fiamma all’amante degli sport estremi con un segreto amaro. Il registro vorrebbe attestarsi sul malincomico, ma non tutti gli interpreti sanno maneggiare lo slittamento dal cameratismo di grana grossa all’agrodolce delle rivelazioni (la più cruciale delle quali è tanto telefonata da risultare ovvia), e i déjà-vu si fanno ingombranti (dai succitati Aldo, Giovanni e Giacomo, con tanto di gara in spiaggia, a Viola bacia tutti; fino al più recente Ovunque tu sarai, di cui si ripropongono, col Portogallo al posto della Spagna, il quartetto, la presenza di Memphis, la bella guida iberica, il segreto di uno degli amici e perfino il minivan...). Resta la simpatia di 3/4 dell’ensemble (quella di Liotti non è pervenuta), a tentare di redimere l’accidia degli autori.

I 400 colpi

MC
4
SE
4
IF
4
FM
3
RMO
4
RS
5
media
4.0
Un figlio di nome Erasmus (2020)
Titolo originale: -
Regia: Alberto Ferrari
Genere: Commedia - Produzione: Italia - Durata: 107'
Cast: Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu, Ricky Memphis, Daniele Liotti, Filipa Pinto, Carol Alt, Giordano Agrusta, Frederico Amaral, Andrea Bonella, Gabriele Carbotti, Valentina Corti, Fabrizio D'Alessio, Giordana Faggiano, Giulia Galiani
Sceneggiatura: Alberto Ferrari, Gianluca Ansanelli

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Ilaria Feole

Ilaria Feole è nata nell’anno di Il grande freddo, Il ritorno dello Jedi e Monty Python – Il senso della vita e tutto quello che sa l’ha imparato da questi tre film. Scrive di cinema e televisione per Film Tv e  Spietati.it. È autrice della monografia Wes Anderson - Genitori, figli e altri animali edita da Bietti Heterotopia.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy