Echo il delfino di Keith Scholey - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Pier Maria Bocchi dice che Stregata dalla luna è il film da salvare oggi in TV.
Su Sky Romance alle ore 21:00.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«What happened to Gary Cooper? The strong, silent type. That was an American. He wasn’t in touch with his feelings. He just did what he had to do. (David Chase - The Sopranos)»

cinerama
9277
servizi
3733
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511
Recensione pubblicata su FilmTv 16/2020

Echo il delfino


Regia di Keith Scholey

La sindrome di Peter Pan non risparmia nemmeno i delfini: lo sa bene la paziente tursiope Kumu, il cui primogenito treenne Echo è un mammone di prim’ordine, anche dopo lo svezzamento pensa a giocare prima che a procurarsi del cibo, e a curiosare tra le meraviglie della barriera corallina piuttosto che imparare a difendersi dai tranelli degli insinuanti predatori. La piccola storia della maturazione del delfino, necessaria al Bene comune dell’ecosistema sottomarino perché correlata al ciclo vitale cui partecipa ogni singola creatura della comunità ittica, è il pretesto per un itinerario amabilmente didattico attraverso le peculiarità e i superpoteri dei sorridenti mammiferi (il sonno sincronizzato, l’ecolocalizzazione, l’aquaplaning) e quelle della popolazione subacquea, delle specie meno conosciute verso le quali Echo è continuamente attirato. Il suo incanto per la differenza, per le risorse complementari dell’altro (dalle megattere ai pesci pappagallo giganti produttori di sabbia, dalla pastinaca a un ipnotista stroboscopico: la seppia) riserva i momenti più fortunati del 12° doc originale Disneynature, diretto da Keith Scholey e narrato da Natalie Portman (nella versione italiana da Cristiana Capotondi), che per il resto della sua (esigua) durata conserva, come gli altri prodotti faunistici offerti dall’etichetta, un impianto da enciclopedia illustrata per bimbi, con l’”Echo-logia” a misura - bonariamente semplificata - d’infanzia come missione veicolata grazie a un coetaneo bestiale buffo e ribelle d’immediata immedesimabilità.

I 400 colpi

FDM
6
Echo il delfino (2020)
Titolo originale: Dolphin Reef
Regia: Keith Scholey
Genere: Documentario - Produzione: Usa - Durata: 76'

Sceneggiatura: David Fowler
Musiche: Steven Price
Fotografia: Paul Atkins

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Fiaba Di Martino

Fiaba riceve in fasce un nome lezioso che le profetizza l'amore per le storie, nel cinema, sul cinema e del cinema: a dieci anni vota i film disegnando a matita i pollici di Film Tv accanto ai biglietti della multisala più bella di sempre, l'Arcadia; di lì a poco si innamora delle finestre di Hitchcock, degli occhi di Jean Gabin e dell'aplomb di Lauren Bacall, e lo urla al mondo prima dal giornalino scolastico del classico poi dai siti web (MyMovies, Players, PositifCinema, BestMovie.it), mentre frequenta corsi di scrittura alla Scuola Civica di Cinema milanese e scrive un libro su Xavier Dolan con la collega positivista Laura Delle Vedove. Lost in translation nello stereo totale, ritrova se stessa nella pioggia di Madison County, nelle lettere di Gramsci, nelle ferite di David Grossman, nelle urla liberatorie di Sion Sono, nelle risate di Shosanna Dreyfus, nei silenzi di Antonioni, nelle parole di Frances Ha («non sono ancora una vera persona») e nello spazio tra i titoli di testa e quelli di coda.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy