Out Stealing Horses - Il passato ritorna di Hans Petter Moland - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Francesco Foschini dice che Jane Eyre è il film da salvare oggi in TV.
Su IRIS alle ore 17:00.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Smettete di pensare che la scienza possa aggiustare tutto se le date 3 miliardi di dollari. (Kurt Vonnegut)»

scelta da
Simone Arcagni

cinerama
9277
servizi
3734
cineteca
3168
opinionisti
2183
locandine
1086
serialminds
993
scanners
511
Recensione pubblicata su FilmTv 20/2020

Out Stealing Horses - Il passato ritorna


Regia di Hans Petter Moland

Un’estate di tanti anni fa, in campagna. Un fatto di sangue sepolto tra i ricordi. La memoria di un padre fedifrago con cui riconciliarsi. La vicenda di Fuori a rubar cavalli, il bestseller norvegese (Guanda) adattato da Hans Petter Moland, pare un catalogo programmaticamente stilato di temi maiuscoli: l’elaborazione del lutto, la tensione edipica tra padre e figlio, l’esplodere del desiderio (solo per citarne alcuni). Il racconto singhiozza avanti e indietro tra passato e presente, e tramite un’intricata impalcatura cronologica si dipana lungo il corso di una vita intera. Eppure i suoi snodi primari - i traumi e le relative catarsi - si decidono in pochissimi minuti salienti. Ognuno di questi snodi ha una sottolineatura, che prende la forma di un analogo naturale: i cavalli recalcitranti da domare, le ortiche da cogliere a mani nude, i tronchi di betulla da schiantare al suolo sono veicoli di simbologie elementari e parallelismi trasparenti. La natura-matrigna irrompe nella vicenda reclamando un’estetica propria (il ralenti sulla corteccia che si frantuma, il montaggio sincopato sul torrente impetuoso) che mette in forma l’esasperazione emotiva con stile proporzionatamente eccitato. Con risultati eterogenei: perché se il lavoro di Moland rende giustizia ai sovracuti sentimentali del romanzo, ricalcandone le atmosfere pregne e insieme ovattate, rischia anche, per accumulo, di frastornare, e di infierire sulle immagini con troppe parole, enunciate da una voce narrante pervasiva, da cui si fatica a emanciparsi. E di premere contemporaneamente su troppi nervi scoperti.

I 400 colpi

SE
7
EM
5
RMO
4
media
5.4
Out Stealing Horses - Il passato ritorna (2019)
Titolo originale: Ut og stjæle hester
Regia: Hans Petter Moland
Genere: Drammatico - Produzione: Norvegia/Svezia/Danimarca - Durata: 122'
Cast: Stellan Skarsgård, Tobias Santelmann, Danica Curcic, Pål Sverre Hagen
Sceneggiatura: Hans Petter Moland, Per Petterson

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati


Out Stealing Horses» Cinerama (n° B0/2019)

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy