Bar Giuseppe di Giulio Base - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Dario Stefanoni dice che La scimitarra del saraceno è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 06:30.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Lui adesso vive ad Atlantide / con un cappello pieno di ricordi / ha la faccia di uno che ha capito / e anche un principio di tristezza in fondo all'anima / nasconde sotto il letto barattoli di birra disperata / e a volte ritiene di essere un eroe. (Francesco De Gregori - Atlantide)»

scelta da
Matteo Bailo

cinerama
9311
servizi
3784
cineteca
3199
opinionisti
2198
locandine
1090
serialminds
1009
scanners
513
Recensione pubblicata su FilmTv 22/2020

Bar Giuseppe


Regia di Giulio Base

In un paese della Puglia Giuseppe, che viene dal nord ed è rimasto vedovo, gestisce il bar di una stazione di servizio. Come cameriera assume Bikira, giunta dall’Africa. Nonostante la differenza di età i due si innamorano e si sposano. Lo scandalo aumenta quando Bikira annuncia di aspettare un bambino. Operazione audace questa di Giulio Base, anche sceneggiatore, che coniuga il tema dei migranti con la parabola evangelica cercando una sintesi anche visiva tra l’iconografia del Nuovo testamento e le necessità di una narrazione realistica, attuale e credibile. Da questo punto di vista ci sono scelte estetiche forti e originali, per esempio quella di “descrivere” la stazione di servizio e i suoi ambienti come si trattasse di un quadro di Edward Hopper (notevole la fotografia di Giuseppe Riccobene, che per Base già aveva firmato il bianco e nero del film precedente, Il banchiere anarchico), senza per questo rinunciare alla natura rurale del contesto, la casa del protagonista e in generale il paese. Anche il cast è molto interessante: azzeccata la scelta di Ivano Marescotti, a rimarcare questa sorta di estraneità di Giuseppe, in fondo “santo” suo malgrado, come quella di Virginia Diop, attrice letteralmente piena di grazia, e di Nicola Nocella nel ruolo di uno dei due figli dell’uomo, quello pragmatico e severo, forse più turbato dalla sua inadeguatezza che non dagli eventi. A rendere invece più problematico il film è l’evidenza delle simbologie, con il rischio che tutta la vicenda diventi didascalica. Ma resta, Bar Giuseppe, un esperimento davvero insolito nel panorama cinematografico italiano.

I 400 colpi

PA
6
MG
6
RMO
4
RS
6
FT
5
media
5.3
Bar Giuseppe (2019)
Titolo originale: -
Regia: Giulio Base
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 95'
Cast: Ivano Marescotti, Diop Virginia, Nicola Nocella, Teodosio Barresi, Ira Frontén, Emanuel Dabone, Selene Caramazza, Michele Morrone, Vito Mancini, Grazia Daddario
Sceneggiatura: Giulio Base

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Mauro Gervasini

Firma storica di Film Tv, che ha diretto dal 2013 al 2017, è consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia e insegna Forme e linguaggi del cinema di genere all'Università degli studi dell'Insubria. Autore di Cuore e acciaio - Le arti marziali al cinema (2019) e della prima monografia italiana dedicata al polar (Cinema poliziesco francese, 2003), ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare su cinema francese e di genere.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy