L'immensità della notte di Andrew Patterson - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Il buono, il brutto e il cattivo è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 21:10.

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«E questo è quanto (Casinò - Martin Scorsese)»

cinerama
9425
servizi
3895
cineteca
3240
opinionisti
2222
locandine
1097
serialminds
1028
scanners
514
Recensione pubblicata su FilmTv 23/2020

L'immensità della notte


Regia di Andrew Patterson

Cayuga, New Mexico, fine anni 50. Mentre tutto il paese segue la partita di basket, Everett, logorroico dj della radio locale, e Fay, centralinista part time, entrano in contatto con un misterioso messaggio trasmesso via etere. Siamo soli nell’universo? Domanda classica, in ambito sci-fi. Specie se la risposta è messa in relazione con la solitudine sul pianeta Terra, come se gli anticonformisti e i veggenti fossero destinati all’incontro ravvicinato, a essere contemporaneamente eletti e dannati. Come in H.P. Lovecraft, Spielberg, ma soprattutto Ai confini della realtà (vedi Film Tv n. 22). Che per Patterson diventa addirittura cornice, sotto pseudonimo, dell’intero film, mascherato da episodio televisivo. Retromania a livelli patologici, ma senza che prevalga niente di dimostrativo: Patterson non vuole - al pari di Robert Eggers o Nicolas Pesce - esibire la propria cinefilia cool o la capacità di mettere in scena allegorie. Preferisce giocare a carte scoperte, con l’ingenuità del nerd che non sa mantenere un segreto. Il “cosa” conta davvero poco in L’immensità della notte, infinitamente meno del “come” e di uno stile che rivela già una consapevolezza non comune dell’inquadratura. La macchina da presa collocata al livello della strada o su un go-kart, in una assurda panoramica in stile Raimi dell’intera Cayuga, mostra di cosa possa essere capace il talento, a prescindere dal budget a disposizione. Come ha evidenziato Soderbergh, che ha perso la testa per il film. E noi con lui, fin dall’incipit parlato in slang e a mitraglietta, che serve solo a rendere più intenso il vuoto che verrà. Benché dirlo nel 2020 sia più facile, sì, è debutto dell’anno.

I 400 colpi

PA
7
PMB
5
AC
7
FDM
6
IF
6
AF
7
EM
6
FM
8
RMO
7
ES
8
GS
5
FT
8
media
6.7
L'immensità della notte (2020)
Titolo originale: The Vast of Night
Regia: Andrew Patterson
Genere: Fantascienza - Produzione: Usa - Durata: 89'
Cast: Sierra McCormick, Jake Horowitz, Gail Cronauer, Cheyenne Barton, Mark Banik, Gregory Peyton, Bruce Davis, Adam Dietrich, Mallorie Rodak, Mollie Milligan
Sceneggiatura: Andrew Patterson, Craig W. Sanger

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Emanuele Sacchi

Nato nella città delle due discoteche e 106 farmacie, presto smarrito nei meandri del rock e del cinematografo. È ingegnere informatico, benché si finga pensatore umanista. Giornalista pubblicista, critico cinematografico e musicale, collabora con FilmTv, MYmovies.itRumore, Filmidee, Asiaexpress ed è direttore della testata web Hong Kong Express (www.hkx.it). È autore di 50x35mm - Soundtrack Rumorose (Homework, 2016), con Stefano Locati di Il nuovo cinema di Hong Kong - Voci e sguardi oltre l'handover (Bietti, 2014) e con Francesca Monti di Richard Linklater - La deriva del sogno americano (Bietti, 2017). Film: Apocalypse Now (ma non Redux). Album: Forever Changes dei Love (anche per il titolo).

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy