Nevia di Nunzia De Stefano - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che Keoma è il film da salvare oggi in TV.
Su Cine34 alle ore 22:55.

Avventure da vedere e rivedere, capolavori dell’animazione e lezioni sul rapporto tra uomo e natura: sono i film dello Studio Ghibli, (quasi) tutti disponibili su Netflix.

È una questione di intesa. Lo sguardo di Jonah Hill su Stevie è simile a quello di Jodie Foster su Fred in Il mio piccolo genio . Entrambi con lo stesso provvisorio smarrimento, la stessa solitudine. Con una differenza: l’attrice, nel suo esordio nella regia, era anche protagonista. Jonah Hill no: si affida anima e corpo al bravissimo protagonista, Sunny Suljic, già sorprendente in Il sacrificio del cervo sacro . E poi ancora strani incroci: Scott Rudin, tra i produttori di Mid90s e anche di Il mio piccolo genio .

Il miglior film hollywoodiano dell’anno l’ha fatto la HBO, naturalmente è una miniserie e non un film, ma della Hollywood perduta (non necessariamente quella classica) riprende l’impostazione e la tradizione di trarre da un bestseller un’opera d’autore colta e insieme popolare, come un tempo erano film quali Ragtime , La scelta di Sophie o Il colore viola .

«Continuare a vivere significa continuare a fare film» dice Máximo Espejo, il regista di Légami! È paralizzato sulla sedia a rotelle, in preda a pulsioni fisiche voraci e inappagabili per la bella protagonista, ma non importa: importa il cinema, che si fa «con il cuore e con i coglioni», e quelli funzionano. Il cinema si deve , anche se non si vede : il cinema si fa anche da ciechi, ed è il caso di Mateo Blanco, che perde la vista e l’amore in un incidente ma torna alla celluloide per ricomporre Gli abbracci spezzati .

Sperimentatore eccentrico con l’umiltà del mestierante o dell’artigiano, Nobuhiko Ôbayashi è divenuto un culto per caso, per la sua instancabile volontà di immaginare, al di fuori da ogni schema. Al nome del regista giapponese in genere viene associato un solo titolo: House (1977). Un caso difficilmente superabile di follia su pellicola, in cui l’immaginazione sale al potere senza che nessun limite - di budget, buon gusto o buon senso - la possa rallentare.

La citazione

«Se una rana avesse le ali non sbatterebbe tante volte il culo per terra (John McCabe)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
9743
servizi
4401
cineteca
3447
opinionisti
2343
serialminds
1140
locandine
1125
scanners
526
Recensione pubblicata su FilmTv 24/2020

Nevia


Regia di Nunzia De Stefano

Nevia ha quasi 18 anni, ma ne dimostra molti meno. La madre è morta, e lei vive in un campo di container a Ponticelli, periferia orientale di Napoli, insieme alla nonna, ex prostituta che affitta la casa a prostitute più giovani. Punto di riferimento di Nevia è la zia, e punto debole la sorellina minore. Al centro una comunità di donne, senza nessuna retorica della solidarietà femminile ma con contrasti spesso atroci, e comunque con un mondo maschile che preme sempre minaccioso fuori dalla porta. Presentato a Venezia 2019 nella sezione Orizzonti, prodotto da Matteo Garrone, Nevia sembra appartenere a un genere ormai codificato, quello che racconta esistenze marginali, meglio se tra Lazio e Campania, con stilemi riconoscibili: la protagonista adolescente, la macchina a mano che pedina i personaggi, la scena in motorino. Ma c’è qualcosa in più, ed è l’assoluta giustezza dello sguardo, l’assenza di ogni compiacimento da parte della regista esordiente, che sembra restituire le cose viste con una semplicità e una verità difficili da raggiungere. L’autrice nelle interviste ha rivendicato orgogliosamente il carattere autobiografico della storia, e sullo schermo questo traspare abbastanza. Ovviamente molto merito della riuscita è della giovane protagonista Virginia Apicella, che spesso col suo fare ingrugnato e sarcastico fa scivolare il film verso la commedia (e sono i momenti migliori). Purtroppo a un certo punto arriva un circo, che è sempre una delle cose più pericolose da mostrare al cinema, e il film rischia una svolta poetico-lirica stonata.

I 400 colpi

PA
7
MC
6
SE
4
RM
5
RMO
7
GAN
3
LP
6
RS
6
media
5.4
Nevia (2019)
Titolo originale: -
Regia: Nunzia De Stefano
Genere: Drammatico - Produzione: Italia - Durata: 105'
Cast: Virginia Apicella, Pietra Montecorvino, Pietro Ragusa, Rosy Franzese, Franca Abategiovanni, Simone Borrelli, Lola Bello
Sceneggiatura: Nunzia De Stefano, Chiara Atalanta Ridolfi

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy