Cambio tutto! di Guido Chiesa - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Dario Stefanoni dice che La scimitarra del saraceno è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 06:30.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Il banco di prova di un'intelligenza di prim'ordine è la capacità di tenere due idee opposte in mente nello stesso tempo e, insieme, di conservare la capacità di funzionare (Francis Scott Fitzgerald)»

scelta da
Emanuela Martini

cinerama
9311
servizi
3784
cineteca
3199
opinionisti
2198
locandine
1090
serialminds
1009
scanners
513
Recensione pubblicata su FilmTv 25/2020

Cambio tutto!


Regia di Guido Chiesa

Ci sono almeno due buone ragioni per parlar bene di Cambio tutto!, ben oltre le istanze femministe del momento agitate dal solito giornalismo di costume. La prima è che, finalmente, c’è una commedia italiana con una donna mattatrice assoluta (e non il solito comico maschio), superando anche il protagonismo alla pari di facciata delle rom com. Anzi, questa donna succube di attese e pregiudizi dei maschi intorno a lei che, seguendo una terapia sui generis, prima butta tutto all’aria e poi si ripensa finalmente indipendente da tutti (forse anche dall’obbligo di un principe azzurro!) è una bella dichiarazione d’intenti. E un ruolo che a Hollywood farebbe gola a Sandra Bullock o a Jennifer Aniston, magari pure a Amy Schumer. Con la sua bellezza imperfetta, Valentina Lodovini lo indossa alla perfezione, è capace di passare attraverso tanti registri (e tanti cambi d’abito funzionali al suo percorso, un indizio della cura nella confezione), sa essere buffa, goffa, sensuale, decisa, anche stronza (e sa persino abbaiare!). La seconda ragione è di ordine industriale: nel rifare un film (cileno), dentro la logica dei remake fedeli ma non troppo à la ColoradoMedusa, Guido Chiesa si mette al servizio della storia con una consapevolezza che forse sarebbe ora di riconoscergli, senza agitare più il fantasma dell’autore condannato al cinema di cassetta, e gira una commedia divertente, arguta e ritmata, piena di personaggi che si ritagliano i propri spazi, anche quando minimi, grazie a un cast di caratteristi scelti con attenzione. Puro cinema commerciale medio, ma che non mortifica l’intelligenza di chi sta dietro e davanti lo schermo (quello domestico di Prime Video, e può essere una bella occasione…).

I 400 colpi

FDM
5
SE
7
MM
6
FM
2
RMO
7
LP
6
ES
5
GS
6
media
5.5
Cambio tutto! (2020)
Titolo originale: -
Regia: Guido Chiesa
Genere: Commedia - Produzione: Italia - Durata: 90'
Cast: Valentina Lodovini, Neri Marcoré, Libero De Rienzo, Dino Abbrescia, Andrea Pisani, Nicola Nocella, Claudio Larena, Flora Canto, Chiara Spoletini, Stefano Skalkotos, Valentina D'Agostino
Sceneggiatura: Giovanni Bognetti, Nicoletta Micheli, Guido Chiesa

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Articoli consigliati


Cara Valentina - Intervista a...» Interviste (n° 27/2020)

Rocco Moccagatta

Studiava giurisprudenza, ma andava più spesso al cinema di quanto avrebbe dovuto. D'altronde il padre l'ha portato per anni al cinema ogni sabato. Di cosa potrebbe dunque lamentarsi? Dopo l'università, fa la cosa giusta e comincia a occuparsi davvero di film, persino professionalmente. Oggi lo insegna pure, il cinema, in IULM e in altre università del regno, soprattutto il cinema classico e il cinema dei generi popolari, la sua passione da sempre. Per campare guarda anche molta televisione, visto che lavora come scenarista e analista dei media presso la factory di media research Neopsis (non si pronuncia Neopsais, eh...). Ha scritto e scrive da tante parti, da Duel/Duellanti a Marla, da Ottoemezzo a L'officiel Homme. Nel tempo, ha scoperto che gli piace molto il cinema italiano di ieri e di oggi e che si può non vergognarsene. Il riconoscimento più prezioso è stato essere ribattezzato "Giancarlo Cianfrusaglie" da Maccio Capatonda.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy