Nel nome della terra di Edouard Bergeon - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Mauro Gervasini dice che eXistenZ è il film da salvare oggi in TV.
Su Sky Cinema Suspense alle ore 22:45.

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«What happened to Gary Cooper? The strong, silent type. That was an American. He wasn’t in touch with his feelings. He just did what he had to do. (David Chase - The Sopranos)»

cinerama
9406
servizi
3881
cineteca
3235
opinionisti
2218
locandine
1096
serialminds
1027
scanners
514
Recensione pubblicata su FilmTv 27/2020

Nel nome della terra


Regia di Edouard Bergeon

Partiamo dalla fine, e dalla vita vissuta: in Francia, dice la didascalia finale, ogni due giorni un agricoltore si toglie la vita. Il padre del regista, Christian Bergeon, è stato uno di questi: in una notte di marzo del 1999 ingoiò del pesticida e morì fra le braccia del figlio. Era pieno di debiti, stremato da un lavoro logorante e in perdita, legato alla terra ma snaturato dalla logica del profitto. Edouard Bergeon, giornalista e documentarista, per l’esordio nella finzione trasforma il lutto familiare in un dramma popolare che traccia la parabola del mondo contadino francese fra gli anni 70 e la fine del millennio, col passaggio da una produzione familiare a una su larga scala. Dalle praterie del Wyoming dove si era trasferito, nella scena iniziale ambientata nel 1979, il protagonista Pierre (il bravissimo Guillaume Canet) torna nella Mayenne, nord-ovest della Francia, e acquista dal padre la fattoria Les grands bois: da quel mondo lontano a uno più vicino, con la società contadina allettata dalla meccanicizzazione e inevitabilmente stravolta, il passo è breve per il montaggio ma non per i protagonisti - Pierre, la moglie Claire, i figli Thomas e Emma, il nonno Jacques - che vedono la loro vita distrutta da debiti, investimenti sbagliati, incendi, liti, e infine da una morte forse evitabile. Il film è semplice, preciso nel raccontare il lavoro della terra e l’allevamento degli animali, a volte enfatico, più spesso trattenuto nel costruire la tragedia. In Francia è stato un successo nei centri rurali e di provincia di cui parla, qui da noi un cinema così giusto e riconoscibile, ovvio ma commovente, continua a mancare.

I 400 colpi

MC
5
RM
7
EM
7
RMO
7
RS
5
media
6.2
Nel nome della terra (2019)
Titolo originale: Au nom de la terre
Regia: Edouard Bergeon
Genere: Drammatico - Produzione: Francia/Belgio - Durata: 103'
Cast: Guillaume Canet, Veerle Baetens, Anthony Bajon, Rufus, Samir Guesmi, Yona Kervern, Solal Forte, Mélanie Raffin, Marie-Christine Orry, Emmanuel Courcol
Sceneggiatura: Edouard Bergeon, Emmanuel Courcol, Bruno Ulmer

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Roberto Manassero

Roberto Manassero lavora come selezionatore al Torino Film Festival, è capo-redattore del sito www.cineforum.it e collaboratore delle riviste Film Tv e Doppiozero. Ha scritto un libro su P.T. Anderson, uno su Hitchcock e uno sul melodramma hollywoodiano. Tra i curatori del programma del Circolo dei lettori di Novara, tiene lezioni di cinema in scuole, musei e associazioni cultura.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy