L'anno che verrà di Mehdi Idir, Grand Corps Malade - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Dario Stefanoni dice che La scimitarra del saraceno è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 06:30.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Un colpo solo (Michael Cimino - Il cacciatore)»

cinerama
9311
servizi
3784
cineteca
3199
opinionisti
2198
locandine
1090
serialminds
1009
scanners
513
Recensione pubblicata su FilmTv 27/2020

L'anno che verrà


Regia di Mehdi Idir, Grand Corps Malade

Uscirà a settembre 2020 Mesdames, nuovo album di Grand Corps Malade, al secolo Fabien Marsaud, poeta, musicista e regista in coppia con l’amico Mehdi Idir. Il disco, prodotto durante il confinamento, è stato anticipato dal singolo Mais je t’aime, in cui duetta con la bellissima voce di Camille Lellouche. Nel frattempo si vede finalmente in Italia L’anno che verrà, ovvero La vie scolaire, il film corale ispirato a un’altra canzone di GCM, Je viens de là, reincisa per la colonna sonora con la partecipazione dei protagonisti. La vita scolastica è quella di un gruppo di studenti di un complesso scolastico (dalla primaria alle superiori) a Saint-Denis, banlieue parigina. È ormai un filone codificato del cinema francese quello ambientato nelle scuole di periferia, ma L’anno che verrà ha una costruzione polifonica ambiziosa. Una giovane dirigente al suo primo incarico importante (Zita Hanrot, bravissima) sceglie Saint-Denis per poter essere vicina al carcere (!). Colleghi trafficoni, complici, antagonisti, e studenti complicati, difficili, indomabili. Di Yanis percepisce il talento, ma anche lui “viene da là”. Questione di esperienze, di vita, dice GCM, che rifiuta il determinismo sociale ma non si fa illusioni. Questione di lingua e linguaggi, una volta di più. «On n’a pas tout le temps le même dictionnaire mais on a plus de mots que vous» dice la canzone. Ovvero: il vocabolario in banlieue non è lo stesso, ma le parole sono molte più che altrove. Da Napoli a Marsiglia a Parigi a Manchester quello della “vitalità delle periferie” è uno stereotipo retorico. L’anno che verrà cerca però di andare oltre, incontro alle persone.

I 400 colpi

PMB
6
MC
5
IF
7
MG
8
RMO
7
GS
7
RS
5
media
6.3
L'anno che verrà (2019)
Titolo originale: La vie scolaire
Regia: Mehdi Idir, Grand Corps Malade
Genere: Commedia drammatica - Produzione: Francia - Durata: 111'
Cast: Zita Hanrot, Liam Pierron, Soufiane Guerrab, Moussa Mansaly, Alban Ivanov, Antoine Reinartz, Ibrahim 'Facher' Dramé, Moryfère Camara, Gaspard Gevin-Hié, Mahamadou Sangaré
Sceneggiatura: Mehdi Idir, Grand Corps Malade

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?


Mauro Gervasini

Firma storica di Film Tv, che ha diretto dal 2013 al 2017, è consulente selezionatore della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia e insegna Forme e linguaggi del cinema di genere all'Università degli studi dell'Insubria. Autore di Cuore e acciaio - Le arti marziali al cinema (2019) e della prima monografia italiana dedicata al polar (Cinema poliziesco francese, 2003), ha pubblicato vari saggi in libri collettivi, in particolare su cinema francese e di genere.

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy