Nonostante la nebbia di Goran Paskaljevic - la recensione di FilmTv

facebook_0.png
twitter.png
Instagram.png
Oggi Free
Dario Stefanoni dice che La scimitarra del saraceno è il film da salvare oggi in TV.
Su RaiMovie alle ore 06:30.

Si sta trasformando il dibattito su un tema maledettamente serio come il razzismo nella solita farsa. Per una volta, però, non siamo solo noi italiani a sfidare il senso del ridicolo, visto che una catena di supermercati svizzera ha deciso di ritirare i mitici Moretti solo perché si chiamano così. Ai Moretti Tommaso Labranca dedicò un suo Collateral nel 2011, urgente e formidabile oggi più di ieri.

Su Film Tv n° 23 abbiamo dedicato un Serial Graffiti all'universo di True Detective . Qui vi riproponiamo la recensione della prima stagione.

L'esorcista di William Friedkin è in streaming su Prime Video

Scompare a 90 anni l'attore feticcio di Ingmar Bergman, indimenticabile in Il settimo sigillo , in seguito “rubato” da Hollywood per ruoli memorabili. A cominciare da padre Merrin in L’esorcista. Riproponiamo l'articolo di carriera pubblicato su Film Tv in occasione del suo ottantesimo compleanno

Una delle uscite (annullate) del mese è un film di un autore spesso segnalato nella nostra rubrica Scanners. Doppia pelle di Quentin Dupieux era programmato per il 19 marzo. Recuperiamone un altro, tra i suoi, mai arrivato in Italia.

La citazione

«Life... don't talk to me about life...»

scelta da
Alice Cucchetti

cinerama
9311
servizi
3784
cineteca
3199
opinionisti
2198
locandine
1090
serialminds
1009
scanners
513
Recensione pubblicata su FilmTv 27/2020

Nonostante la nebbia


Regia di Goran Paskaljevic

Alla fine c’è un cartello: «Oltre 10 mila bambini migranti non accompagnati sono scomparsi in Europa negli ultimi tre anni. Questa cifra riguarda i bambini dei quali si sono perse le tracce dopo la registrazione presso le autorità europee. Circa la metà di questi sono scomparsi in Italia». È questa la nebbia del titolo. Ma prima? Prima c’è un’idea di questa nebbia, una storia emblematica, una paraboletta: un bimbo migrante solo e orfano («Si chiamano tutti Mohammed», come per Fassbinder «Alì») è accolto da due italiani (Finocchiaro + Tirabassi), che non ne denunciano la presenza alla legge. Sono genitori. E han perduto un figlio. Chiaro, no? Il confine tra altruismo e egoismo è sottile. Intorno alla neo(ri)nata famiglia c’è il fascismo quotidiano italiano, in guise cristiane e gesti leghisti. Paskaljevic parte da un soggetto di Filip David, insiste su una conflittualità religiosa che per lui è di casa (non lo sa che le chiese italiane, oggi, non sono piene come nel film), a tratti apre il suo faticoso, stanco, inadeguato realismo a una bolsa poesia surreale, e se cerca un distacco teatrale trova un linguaggio da sceneggiato tv. Di sicuro, comunque, sa che uno dei drammi d’oggi è il riconoscere e il rispettare l’alterità. E che per storie come questa non c’è lieto fine. È cinema d’autore vecchio, il suo, non antico: ma nella cantilena dei «film sui migranti» non segue lo stesso borioso ritornello, e quantomeno non svende sdegno e catarsi al nostro attuale mercato dei simboli. Al tempo di La polveriera era un regista importante. Oggi, nomade nell’Europa co-prodotta, esce nella nebbia dell’on demand, con nessun comunicato stampa a lanciarlo.

Nonostante la nebbia (2019)
Titolo originale: -
Regia: Goran Paskaljevic
Genere: Drammatico - Produzione: Italia/Serbia/Macedonia/Francia - Durata: 100'
Cast: Donatella Finocchiaro, Giorgio Tirabassi, Ali Mousa Sarhan, Francesco Acquaroli, Francesca Cutolo, Anna Galiena, Luigi Diberti, Tamara Aleksic, Pino Calabrese, Engy Riead
Sceneggiatura: Goran Paskaljevic

Pallini di FilmTv

Humour
Ritmo
Impegno
Tensione
Erotismo

Vuoi vedere il film in streaming?

FilmTv.Press è una pubblicazione di Tiche Italia s.r.l. - p.iva 05037430963 - Registrazione Tribunale di Milano n° 109 del 6 maggio 2019
Credits - Contatti - Supporto tecnico
Privacy Policy